Una petizione chiede l’ammissione di canzoni in lingua còrsa al Festival di Sanremo

Il Festival della canzone italiana che nel febbraio di ogni anno, dal 1951, si tiene nella cittadina ligure di Sanremo, è uno degli eventi musicali più rappresentativi del panorama artistico della Penisola.

Il festival consiste in una competizione di brani selezionati nei mesi immediatamente precedenti da un’apposita commissione, valutando le candidature pervenute. Tali brani, che devono essere stati composti da autori italiani con testi in lingua italiana, oppure anche in una delle varie lingue regionali italiane, vengono proposti da diversi interpreti in prima assoluta, quindi mai eseguiti pubblicamente in precedenza.

Proprio la presenza di canzoni cantate – anche solo parzialmente – in uno dei “dialetti” locali italiani, ha dato lo spunto a un’iniziativa che riguarda la lingua corsa. È stata lanciata una petizione in linea che chiede agli organizzatori del Festival di ammettere, nelle future edizioni, anche artisti Corsi con brani in lingua nustrale.

In alcune edizioni recenti, avevano partecipato alle selezioni alcuni artisti stranieri, in particolare cantanti maltesi, con canzoni in italiano. Questa petizione mira ad avvicinare gli artisti di regioni dove la lingua italiana ha una presenza storica forte, al Festival, un piccolo simbolo della cultura popolare italofona.

La petizione può essere firmata a questo indirizzo.

Un’iniziativa interessante nella direzione di nuove relazioni tra corsofonia e italofonia, che speriamo possa raccogliere un successo.