Il dipinto della “Madonna di Brando” tornerà in Corsica
2 mins read

Il dipinto della “Madonna di Brando” tornerà in Corsica

Il dipinto della “Madonna di Brando” è sotto i riflettori da circa un anno. L’opera cinquecentesca, attribuita agli artisti italiani Simone da Firenze e Rocco di Bartolomeo, è stata conservata per tre secoli nel convento di Brando, prima di essere acquistata nel 1839 dal collezionista francese Albin Chalandon. Nel marzo 2023, gli eredi della famiglia Chalandon avevano intenzione di mettere all’asta il dipinto, valorizzato tra 200 e 300 mila euro.

La Madonna di Brando è considerata dalla popolazione dell’isola come parte del patrimonio comune e l’annuncio della sua messa in vendita ha suscitato una forte emozione. La Collettività di Corsica ha quindi intrapreso le azioni necessarie per bloccare la vendita, dimostrando con un documento la natura illecita della transazione avvenuta nel 1839 tra il parroco di Brando e Albin Chalandon. Questa prova è stata accettata dal Ministero della Cultura, che ha annullato all’ultimo momento l’asta che avrebbe dovuto svolgersi presso il prestigioso Hotel Drouot di Parigi.

La Collettività di Corsica ha quindi avviato il processo di restituzione dell’opera all’isola, che ora è stato completato. È stato firmato un protocollo d’intesa tra gli eredi di Albin Chalandon, la casa d’aste e il comune di Brando, che tornerà ad essere proprietario dell’opera. L’accordo prevede un risarcimento di 350.000 euro alla famiglia Chalandon per aver conservato il dipinto per quasi due secoli. Il protocollo sarà sottoposto a breve al voto dell’Assemblea della Corsica e dovrebbe essere una formalità, con la maggioranza dei politici d’accordo sulla necessità di mantenere il dipinto in Corsica. La Collettività di Corsica contribuirà al risarcimento con 280.000 euro, mentre i restanti 70.000 euro proverranno dalle donazioni raccolte dalla Fondation du Patrimoine.

Intervistata da France 3 Corse, l’assessore alla cultura Antonia Luciani ha dichiarato che“grazie a questo protocollo e all’accordo tra le varie parti, possiamo essere certi che la Madonna di Brando tornerà in Corsica” E ha aggiunto:“Stiamo preparando e organizzando che il Museo della Corsica sia il custode del dipinto in modo che possa essere conservato nelle condizioni più sicure possibili, ma anche con una scatola speciale e con temperature adatte alla sua conservazione. Una volta all’anno, il comune di Brando potrà usufruirne durante la Settimana Santa. Durante i pellegrinaggi, chi desidera vedere la pala d’altare potrà farlo direttamente in una delle chiese di Brando.”

Fonte: France 3 Corse

Immagina di copertina: turquin.fr

Guillaume Bereni

Di Felce (Castagniccia), è padre di 3 bimbi e lavora sia nell'azienda agricola di famiglia, che produce farina di castagne, sia come redattore freelance, per noi e per altre testate, scrivendo in lingua corsa, francese e italiana.