Presidenziale : Macron vince, a Corsica cunferma Le Pen

Emmanuel Macron ghje statu elettu dumenica 24 aprile presidente di a Republica Francese incù 58 pc di i voti di fronte à Marine Le Pen 42 pc. Un’elezzione marcata da una forte astenzione da rapportu à 2017. So stati più di 28 pc à ùn’avè vutatu, ghjeranu 25 pc in 2017. Ma Macron face menu che in 2017, quasi 10 punti di menu ,58 pc, contr’ à 66 pc, allora che Marine Le Pen guadagna voti e passa di 34 à 42 pc, à u cuntrariu di Macron face quasi 10 punti di più. Stu secondu giru firma una crescita di i voti bianchi. Miglioni d’elettori un’anu vulsutu sceglie tra i dui candidati. « Ghje un’elezzione di blucchime «   ha dettu Jean Luc Melanchon capu di l’unione pupulare. Ancu s’hè lu sè dettu felice di a scunfitta di Le Pen. « Macron ghje u presidente di a Republica chi ha fattu à più pessima elezzione di à cinquesima republica » ha dicchjaratu dinò Melanchon lampendu una chjama à l’unione di è forze di manca per è legislative di ghjungnu, per dà una « scunfitta » à ù presidente Macron. Sè lu si cunsidereghja u primu giru, chi dà a vera adesione pulitica, Macron ùn raccoglie che 28 pc di suddisfazione,tutti l’altri voti di u secondu giru so voti di bluchime contra Le Pen.

A Corsica indò solcu di strema dritta

A Corsica cunferma à so adesione à a strema dritta di Marine le Pen. 58 pc di i voti contra 42 pc à Macron. Digià à u primu giru ghjera in testa incù 28 pc e ha duppiatu à so percentuale à u secondu. In 2017 sè u primu giru avia messu Le Pen à capu u secondu avìa preferitu Macron 51,4 pc contra 48,5pc. A maggiurità di e cumune di l’isula anu vutatu Le Pen incù percentuale forte cume in Sarrola-Carcopino 70pc, in Bastia più di 58 pc e listessa in Aiacciu 58,8pc . Stu votu di a strema dritta ùn ghje solu ùn votu di prudesta , ghje ùn votu di cunvizione . L’elezzione presidenziale dà a vera identità pulitica di l’isula, un’identità di dritta e di strema dritta, chi si scrive senza dipendenza nisuna cume à l’elezzione lucale. D’altronde a storia eletturale di sti ultimi quarant’anni dà una fotografia spudica di a carta pulitica di a Corsica. In 1974 ha vutatu à dritta (Giscard d’Estaing), in 1981 un’hà micca datu a maggiurita à Mitterand, ne menu in 1988, in 1995 ha datu a primura à Chirac, poi à Sarkosy e ùn’hà sceltu Hollande in 2012. Allora a questione chi si pone ghje quella di a spiegazione di u so votu naziunalistu à e Territuriale ? A Corsica ha sempre una pustura clanista che i naziunalisti un’anu stradicatu. In essendu a dritta à è presidenziale, ha elettu anni fà deputati , cumune, cunsigli generali, e regiunali di manca. In 1981 a Corsica ùn sceglie Mitterand ma face tombula in elighjentu 4 deputati di manca. Oghje a manca ha smarritu e una maggiurità di corsi, à u livellu lucale, sè lampata indè e braccie di i naziunalisti. Vale à dì chella sparte è so idée ? I resultati di dumenica dicenu piuttostu u cuntrariu, al menu che per l’elettori Lepenisti ùn ci sìa tantu differenze tra naziunalismu corsu e naziunalismu francese ?


Pierluigi Alessandri

About Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

View all posts by Petru Luigi Alessandri →