Più di mille persone in piazza ieri ad Ajaccio in difesa della lingua corsa

Micheli Leccia, a capo del collettivo «Parlemu Corsu» era in prima fila ieri pomeriggio alla grande manifestazione organizzata per riportare l’attenzione sulle rivendicazioni in favore della lingua còrsa: co-ufficialità e insegnamento obbligatorio in tutti i cicli scolastici. Al suo fianco davanti alla Prefettura di Ajaccio, militanti, insegnanti, i tre deputati nazionalisti e gli eletti della maggioranza all’Assemblea di Corsica, alcuni eletti della città di Ajaccio (Cristofanu Mondoloni, Stefanu Vannucci, Francescu Filoni…), oltre a personalità della società civile, studenti delle scuole medie, superiori e universitari, e poi ancora associazioni, gruppi culturali, in tutto all’incirca mille persone.

Le richieste restano quelle espresse il mese scorso davanti al Rettorato: « Sò avà dodeci anni ch’è noi semu nantu à u tarrenu – spiega Micheli Leccia – per realizà azzioni cuncreti. Hè a demustrazioni di ciò chì si faci dapoi anni è anni. U populu t’hà a vulintà. L’iniziativi ùn mancanu micca. U populu t’hà bisognu d’un aiutu, d’un sustegnu è issu sustegnu devi vena da u Statu. Comu hè chì di pettu à una brama populara cussì maiori, ùn ci sichi micca una vulintà di parmetta d’avanzà ? »

Circa un’ora dopo il raduno davanti alla prefettura, sono iniziati i discorsi, accompagnati dai canti dei ragazzi di « A scola di cantu ». Così, Arthur Solinas (collège San Paolo) a detto a nome dei suoi compagni : « Semi in brama di veda campà a noscia lingua, sò d’un mezu familiali favurevuli à a pratica di u corsu. Ma par disgrazia, intornu, mori ziteddi ùn ani à nimu in casa in capicità di trasmettalu. Hè una realità da piddà in contu, un argumentu per ghjustificà i nosci rivindicazioni. Dipoi parechji settimani avà, incalchemi à nantu è a faremi fin tantu ch’ùn avaremi trovu suddisfazzioni… » Poco dopo, il turno di Antò Secondu,  a nome degli insegnanti : « Semi Corsi, a noscia lingua hè u corsu. Ch’ani da fà ? L’ani da fà campà issa lingua o l’ani da lascià mori ? »

In conclusione la parola a Micheli Leccia, che poco dopo è stato ricevuto da un rappresentante della prefettura: « Rivindichemi nantu à l’Educazioni ma issu locu hè simbolicu. Sapemi chè a Rettrici, puteri ùn hà micca, a Prifetta micca tantu ma pò quantunqua trasmetta a noscia brama à i Ministri è à u Presidenti di a Republica. Li tocca à senta a vulintà di i Corsi è di ciò chì si passa in carrughju…Semi stati ricivuti in Prifettura, avemi musciatu parlendu in corsu cù un traduttore, chì u corsu hè a noscia lingua. A Prifetta ùn hà vulsutu ricevaci hè una mancaza di rispettu… »

Questa non è stata la prima né sarà l’ultima manifestazione: le rivendicazioni in nome della tutela della lingua nustrale continuano.

 


Fonte: CNI – Immagini: FB, Cullettivu Parlemu Corsu