San Ghjisè e Madunuccia : Bastia e Aiacciu in Prucessiò

 

Cume ogn’annu u 18 e u 19 di marzu è duie cità maio di Corsica so in festa. A Capitale festighjeghja a Santissima Madona di a Misericordia o piutostu, secondu a denuminà aiaccina «  A Madunuccia », patrona di a cità. E u lindumane Bastia face onore à San Ghjisè patrone incù San Ghjuvà di à cità di u nordu di l’isula. Dui mumenti di alta divuzione religiosa, purtati da una tradizione pupulare chi da seculi un s’hè mai spinta. Folle zeppe chi seguitanu è prucessiò chi, à passi sulenni, empienu i carrughji di ste cità .E chjese so colme di fedeli per assiste à è messe. Tutt’i pulitichi di dritta, di manca, naziunalisti o senza culori so quì coidu à coidu in primu rangu. Merri e presidenti, prefetti e cunsiglieri, a corsica di u putere laicu à a Madunuccia e à SanGhjisè si mostra. E st’annu, nuvità ! U merre di Bastia ha francatu a serra di Vizzavona per salutà a Madona Aiaccina e quellu d’Aiacciu ghje venutu à salutà u patrone di i bancalari bastiacci. Ma un c’hè micca che i pulitichi à fà curonna à sti santi. C’hè dinò a Ghjesa. Ci nè pochi in Corsica preti, ma stu pocu ha impiutu l’altari di a catedrale d’Aiacciu e di a capella settecentesca di Bastia. E veschi nè vulete ? Dui ci n’era, quellu di Corsica, bella sicura, e quellu di Liò. St’annu un s’hè riesciutu à truvà un cardinale cume anni fà. E poi a scorta di è cunfraternite. Quella di San Ghjisè è supranisce tutte perche ghje Arcicunfraternita.

Ma daretu à tutte ste persunnalità di Ghjesa e di palazzi republicani c’hè u populu devotu chi prega, accende candele, e basgia i santi. U populu chi, in fatti ghje l’anima di ste tradizione. Ellu chi è cuccule ,chi è stira, chi l’adobra cume pani, per ritruvale ogn’annu pulite e pronte.

E poi, cume sempre, u prufanu si mischi’à u religiosu. E, è « cene domine » for’ di Pasqua cuntinuanu di manera simbolica quella vera. A San ghjisè so Panzarotti chellu si manghja. Sta fritella di risu o di farina di cecci prufumata di limone e d’acqua vita, tinta di succheru chi fiurisce in ogni scornu e sopra tuttu indè u subborgu sanghjisippanu. Carrughju di i bancalari e di i pastori tempi fà, oghje logu un pò più burghese ma sempre pupulare.

Sè A Madunuccia empie tutt’u centru d’Aiacciu. San Ghjisè ghje a festa di u Bastia d’insù ma chi face pellegrinà i bastiacci di tutti i carrughji. Unu solu i riassume tutti. Eccu u miraculu di San Ghjisè.

Aiacciu e Bastia sta coppia citatina, sti ghjorni di marzu rinuvela sta coppia Santissima Maria e Ghjiseppu in fendu li festa ogn’unu in casa soia. Un simbulu misticu chi porta pace, cuncordia e amore. Eccu u secondu miraculu !

Petru Luigi Alessandri

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

Petru Luigi Alessandri

A proposito di Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

Vedi tutti gli articoli di Petru Luigi Alessandri →