I due giovani calciatori aiaccini Matteo e Lisandru Tramoni hanno preso la cittadinanza italiana

I fratelli Tramoni, Matteo e Lisandru, hanno optato per la nazionalità italiana.

L’annuncio è stato dato ufficialmente dal Pisa (Serie B), il club in cui militano i due giocatori corsi nati ad Ajaccio.

“Da oggi entrambi potranno indossare la maglia azzurra della Nazionale italiana”, ha dichiarato il club pisano in un comunicato stampa. Il club nerazzurro ha ringraziato l’avvocatessa Ramona Castagnini e l’avvocato Antonio Galletta per aver fattivamente contribuito al positivo esito della procedura burocratica.

Prodotti del centro di formazione ACA, Matteo e Lisandru Tramoni sono partiti per l’Italia nel 2020, inizialmente per giocare con il Cagliari.

Matteo, 24 anni, ha poi giocato con il Brescia prima di approdare al Pisa nell’agosto del 2022 insieme al fratello Lisandru, 21 anni compiuti ad aprile, che fino a quel momento aveva sempre giocato con la Primavera del club sardo, divisione che rappresenta il massimo livello del calcio under 19 in Italia. Il maggiore Tramoni ha all’attivo 74 presenze in Serie B, con 14 gol e 5 assist, oltre a sei presenze in Serie A e cinque in Coppa Italia, mentre il minore Tramoni ha 25 presenze, con due gol e due assist in Serie B e una breve apparizione in Coppa Italia.

E a livello di squadre nazionali? Matteo ha vestito la maglia della Nazionale francese ma solo a livello giovanile, 5 presenze in Under 18 e una in Under 19, e quindi può tecnicamente indossare la maglia azzurra. Una settimana importante per Matteo, visto che contro il Palermo dovrebbe esser convocato dopo oltre sette mesi dall’infortunio al legamento crociato del ginocchio sinistro. Anche Lisandru Tramoni , classe 2003, ha indossato la maglia della Francia solo a livello giovanile. Ben 12 presenze e 3 reti con l’Under 16, 6 partite e due gol con l’Under 17. Anche lui è convocabile in azzurro. L’U21 di Nunziata potrebbe farci un pensierino.


Fonti: Pisa SC – Corse-Matin – Il Tirreno – La Nazione

 

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *