Settimana Santa in Corsica: U dulurisimu di a Passione di Cristu

Incù a dumenica di e Palme presidata in San Ghjuvà in Bastia da u cardinale Bustillo, simu entrati in Settimana Santa. S’apre cusì, in Corsica in particulare, un periodu di prufonda tradizione religiosa. Tradizione chi cunnusceranu un pichju i ghjovi e venneri santu è, bella sicura, à Pasqua. Ma ghjè indè u dulurismu di a passione di Gesù che i corsi si ricunnoscenu.

U caratteru dramaticu di ste cummemurazione fanu simbiosi incù u sintimu, a storia, a cultura di a Corsica, più che indè a gioia di u Cristu risortu à Pasqua. Dipoi a riforma liturgica di vaticanu dui ùn c’hè più l’uffiziu di e tenebre, i tarnimuri, di i luni marti è mercuri santu, chì ghjera cunclusu da i rumori di e ragane  di e chjoche, di i pichji di i banchi in chjesa. Fracassu in pienu bughju chi simbulizava u strapassu, u sussuru pruvucatu indè l’ambiente à a morte di u Signore.

 

Granitule, Catenacci è Via Cruci

A e palme, crucette, alivu, pullezulle seguiteranu, cerche in Pieve di Lota, Catenacciu in Sartè, Incatinatu in Bisinchi, Granitule in corti e in d’altre pieve, prucessiò di u Cristu Negru, e sepolcri in Bastia. Un custume specificu à Bastia. U ghjovi Santu i bastiacci sortenu di notte per visità i sepolcri. Ci tocc’à visitane un numeru sparu . Si visita in primu l’altare (micca principale), induvè l’hè postu u santissimu, un obligu di a liturgìa di stu ghjornu, induvè lu si caccia l’ostia di u tabernaculu maggiore per sponela in’unaltare secondariu di a chjesa. Cumencia cusì u spogliu di a chjesa chi si viota di i so ornamenti, in segnu di dolu è d’attesa di a notte pasquale. Poi si và indè capelle à visità i sepolcri chi ripresentanu una pagina di a passione di Gesù. Cume quelli di San Roccu è di a Cuncessiò in via Napuleò chi sò stati dipinti più di 60 anni fà per u premiu di Roma, Ettore Filippi.

Settimana Santa e Venneri Santu chì straccina nu via cruci in ogni loghi. Cristi morti e Madone adulurate cume in Corti o in Balagna. Curtei preceduti di cunfratelli incamisgiati e incapucciati purtendu spessu cunfaloni. In Settimana Santa i 3000 cunfratelli aduniti in cunfraternite spaperse in parrochje, chjese paesane o capelle, anu da và. Sò elle chi sò i principali custodi di ste tradizione, è dipoi parechj’anni anu rifiuritu. Un bisognu di ritruvà u nucleu, a radica di un’espressione, una manera, qualchi volta teatrale, di traduce à so fede (per a maiò parte) o u so legame strettu incù u so paese, à so cità, à so pieve.

Sta multitudine di cunfraternite puterebbe esse un segnu di un rinovu religiosu? A realità ghjè più cumplessa. Ste cunfraternite so qualchi volta un logu di ritrovu, ma dinò di spartera pulitica più che religiosa, o incù a religione cume scusa. O! Un ghjè micca un fenomenu novu, tempi fà c’eranu cunfraternite più à dritta o più à manca, oghje so piutostu naziunaliste, ma non tutte.

I corsi si aduniscenu in massa per ritrovi religiosi annuali. A Madunuccia in Aiacciu, San Ghjisè e San’Untò in Bastia, A Madona di Lavasina, à Santa in Niolu. Ma a frequentazione di e messe duminicale ghjè poca, a pratica di i santi sacramenti ghjè in calata cume a pratica religiosa in generale. I preti sò pochi è vechji in maiò parte. Cunsequenza, anu in carica parechje parochje e micca solu indè u rurale. In Bastia San Ghjuvà è Santa Maria anu un stessu curatu. Sta puvertà spirituale va à paru incu a puvertà materiale. A chjesa di Corsica ghjè povera è hà bisognu di solli. Eccu u custatu. Ma ferma a sperenza di a fede, chì cume dice a parolla evangelica “pesa e muntagne.”

Petru luigi Alessandri

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

By Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *