Riforma delle pensioni, il massiccio NO a Macron

Il tempo questo giovedì 19 gennaio è stato fresco sulla Francia, e in Corsica la neve ha fatto la sua comparsa da 400 metri. Sulla costa vento freddo e pioggia spazzavano l’atmosfera. Ma a Parigi, Bordeaux, Tolosa, Marsiglia, Bastia o Ajaccio e in altre città migliaia di manifestanti hanno sfidato il freddo per venire attraverso manifestazioni dire NO alla riforma delle pensioni architettata da Emmanuel Macron e dal suo governo.

Per quasi 10 anni non avevamo visto un fronte sindacale così unito. Dai sindacati riformisti come la CFDT e l’UNSA ai sindacati rivoluzionari come la CGT o Solidaires a quelli nazionalisti come il STC in Corsica, tutti si sono uniti per creare una forza per respingere il governo. Ciò che rafforza la loro unità è il rifiuto di innalzare l’età pensionabile a 64 anni dopo aver registrato 43 anni e 172 trimestri per i lavoratori nati dal 1973. La Francia, considerata uno dei paesi europei socialmente più avanzati, sta gradualmente cancellando le conquiste nate dal CNR, il Consiglio Nazionale della Resistenza.

Furono i governi del dopoguerra dal 1945 in poi, composti da forze di sinistra, tra cui i comunisti e i gaullisti, a scrivere il più importante programma sociale della Francia, compresa la creazione delle securità sociale e di pensioni fornite dal Fondo nazionale di assicurazione per la vecchiaia. Ma a poco a poco, le politiche liberali dei governi di destra hanno rosicchiato ciò che il CNR aveva costruito. François Mitterrand nel 1981 pose temporaneamente fine a questa distruzione e votò per il pensionamento a 60 anni. “Più di 40 anni dopo, ci viene offerto un pensionamento a 64 anni quando dovremmo essere a 55 se fossimo rimasti in una linea progressista”, ha osservato un ex consigliere dell’ex presidente. E sono non meno di 11 le riforme che i francesi hanno dovuto subire, tutte nella direzione di una regressione. Macron fa parte di questo movimento dicendo che questa riforma è giusta. Una provocazione suprema per i sindacati. Tanto più che la realtà del lavoro riflette una tendenza che spinge i lavoratori dai 50 anni in su verso la porta delle aziende attraverso piani di partenza o accordi di cessazione tutt’altro che favorevoli ai dipendenti. I padroni promuovendo questa politica dimostrano, con il fatto, che dopo 50 anni il lavoratore non è più redditizio. Al di là delle misure relative al pensionamento, è anche un’intera politica delle condizioni di lavoro che deve essere rivista.

È quindi questo ral bol, che ha spinto migliaia di lavoratori nelle strade giovedì. In totale, la polizia ha contato più di 1 milione 500 mila manifestanti e i sindacati più di 2 milioni in tutto il paese.

In Corsica le processioni erano importante nonostante il freddo. Erano quasi 2000 manifestanti a Bastia e altrettanti ad Ajaccio. Sappiamo che la Corsica ha un gran numero di pensionati poiché ha una delle più alte percentuali di anziani in Francia, ma il suo ambiente sociale è anche uno dei peggiori in Francia, vale a dire se i lavoratori corsi avevano motivi per mostrare il loro rifiuto. Ora la palla è nel campo del governo. Macron sentirà la voce della strada? Nulla è meno certo. I sindacati sono determinati a non cedere sull’età pensionabile. Può giocare sulla stanchezza ma se questa riforma passerà, Macron avrà creato, nel più o meno lungo periodo, le condizioni per un’esplosione sociale avendo favorito con il suo atteggiamento intransigente l’unità dei sindacati.

Petru Luigi Alessandri

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

About Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

View all posts by Petru Luigi Alessandri →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *