Riconosciuta la razza isolana di asini, u sumere corsu

Serpentinu, Nebulosa e Ghjunsani, i 3 asini tipici della razza corsa, si recheranno a Parigi dal 23 febbraio al 3 marzo, al Salon de l’Agriculture, accompagnati da Olivier Fondacci, allevatore di Balagn’âne a Santa Reparata di Balagna e produttore di latte d’asina, per ufficializzare la razza dell’asino corso.

Olivier Fondacci, ha nel cuore del suo allevamento che oggi conta novanta asini di cui circa trenta esemplari di “razza corsa”.
“Presentare e formalizzare la razza dell’asino corso è il culmine di cinque anni di lavoro. Con la preziosa assistenza finanziaria dell’ODARC e l’aiuto del Conseil du cheval, abbiamo creato l’Association Nationale de l’Âne de la Mule Corse con sede a Venzolasca. Abbiamo anche aderito a France Ânes e Mulets che è una federazione nazionale che elenca tutte le razze.

Questo desiderio di far conoscere e riconoscere l’asino corso è ufficialmente abbastanza recente per alcuni, ma vecchio per Olivier.
“È diventato ufficiale l’anno scorso, quando è arrivato il presidente di France Ânes et Mulets. Già ci aveva chiesto di andare a Parigi, ma non eravamo ancora pronti. È riconosciuto e ci aiuta in questo sforzo. Il nostro obiettivo è soprattutto quello di preservare la razza e renderla utile “.
In vista di questo riconoscimento ufficiale, i 3 rappresentanti della razza dell’asino corso, Nubulosa, Ghjunsani e Serpentini si recheranno a Parigi alla fine di febbraio. “Fino ad oggi, la razza non è riconosciuta ufficialmente, quindi abbiamo dovuto definire uno stile standard da un gregge”. L’asino della razza corsa è quindi grigio, con una croce di Sant’Andrea sul dorso, zebrato sugli arti, di taglia media e un carattere vivace e sanguinante e deve soprattutto nascere in Corsica. “Così, siamo stati in grado di contare circa 2.000 asini della razza. Il fatto che sia ufficialmente riconosciuto darà qualche valore a questo animale che è oggi abbandonato. Vogliamo anche creare le sue vocazioni. sia in trazione animale, orticoltura o produzione di latte d’asina, e soprattutto, ripeto, vogliamo perpetuare la gara “.
L’asino corso sarà l’ottava razza riconosciuta in Francia. “Ci sarà in seguito un lungo lavoro dopo questo riconoscimento, incluso un lavoro di selezione in cui saranno confrontati ad altre gare per la bellezza o la qualificazione per questo o quell’opera”.

Ufficialmente la Corsica ha pochi allevatori. “Siamo quattro o cinque in tutta l’isola, ma coinvolti nella razza corsa, sono praticamente l’unico”.
Perché una razza sopravviva, ci devono essere almeno 20 nascite all’anno. Qual è il caso dell’asino corso. Alla fine, l’associazione desidera, in parallelo, riconoscere il cavallo, i muli e i muli.

 

Fonte: Corse Net Infos