Manifestazione degli agricoltori ad Ajaccio: “siamo pronti a fare pressione su Bruxelles”

Dopo controlli contestati, sabato hanno manifestato 700 agricoltori nelle strade di Ajaccio

È stato ingannato dallo stato, le aree improduttive non vengono più prese in considerazione, la colpa ricade sugli agricoltori e nel frattempo non siamo pagati. Alcuni metteranno la chiave sotto la porta “, ha testimoniato un manifestante a condizione rimanere anonimo.

“L’Europa ha (…) basato il suo sostegno su tutti gli agricoltori europei spazio, ma, appunto, l’unico spazio esistente in Corsica è la pastorizia e non è pienamente riconosciuta dalla Commissione Unione europea che decide in merito al pagamento dell’aiuto della politica agricola comune “, ha denunciato i manifestanti in un volantino.

“Lo stato ha deciso unilateralmente, alcune settimane fa, di controllare diverse centinaia di fattorie modificando le regole normalmente applicabili fino al 2022”, ha denunciato in una dichiarazione il capo dell’esecutivo corso Gilles Simeoni, che ha partecipato alla manifestazione.

“Questi controlli sono stati effettuati secondo tecniche e mezzi (droni in particolare) totalmente inadatti alla realtà del territorio dell’isola. Sono stati accompagnati dalla sospensione, come misura precauzionale, del pagamento di tutti gli aiuti dovuti, facendo precipitare molti agricoltori e le loro famiglie in una situazione di pre-fallimento “, ha continuato Gilles Simeoni. Ha invitato, in nome di tutti i funzionari eletti della Corsica, “tutti gli effetti personali confusi” a “costruire, nel quadro del futuro Pac, l’agricoltura corsa di qualità e produzione di cui la Corsica ha bisogno”.

Delle 2.150 aziende agricole in cerca di aiuti europei in Corsica, circa 373 presentano “anomalie” rilevate da fotografie aeree, hanno affermato le autorità di prefettura a metà ottobre, annunciando che sarebbero state condotte centinaia di ispezioni sul campo.

Fonte: Terre.net