Corsica : libertà sottu sottu…

Dumenica sera 10 maghju à mezanotte une poche di vitture anu circulatu in cità di Bastia trumbendu à più pudè per salutà u scunfinamentu. Una manera rimurosa di festighjà u ritrovu di a libertà di circulazione.
Luni mattina paesi è cità avianu lasciatu indè a cantara di i ricordi è so imagine di loghi spupulati. U desertu urbanu ha dunque vissutu (al menu si spera). Sera vera ? Parechji ne dubitanu di fronte à i cuntrasti di u mondu medicale e i passi à scuttiscia di i pulitichi.

A maggiurità di è scole un’aprenu. 30 per tutt’a corsica, prufessori e elevi une volenu sente ne parlà. I merri so timurosi anch’elli e a culletività tir’è molle. Simeoni e Talamoni un ghjocanu listessa musica. L’armunia si face solu nanta una pruposta di passaportu medicale per tutti quelli chi entreranu in Corsica. Una pruposta dinunziata da i prufeziunali di u turismu, l’uppusizione, e chi un ghje d’accunsentu incù u drittu frencese. Un’iniziativa sentita da certi cume un’attitutine più ideologica che necessaria. U Guvernu dice di No. In un tempu induve i puteri cunfinanu è libertà per , dicenu, « prutegge u citatinu di u Covid » , a pruposta di u putere regiunale è curiosa venendu di ghjente chi anu purtatu da anni e anni u motu « Libertà per a Corsica ». L’acessu à l’isula un serebbe più liberu per tutti i furesteri, fussi nu corsi di cuntinente o d’altrò ?

Sta crisa pandemica ghje in traccia di fà girà e mente di quelli chi devenu avè le ben à segnu à causa di è so rispunsabilità publiche.
I dati di l’INSEE provanu che a Corsica ghje a regione di Francia a più tocca ecunumicamente, è in particulare u Turismu chi rapporta ogn’annu guasi 3 milliarde. L’isula un’hà cunnisciutu foculaie tremende, messu à parte a sfiamata aiaccina di u principiù chi ha fattu cresce u numeru di infezzioni e di i morti. A l’11 maghju u bilanciu per a corsica ghjera di 665 ghjente tocche
e 67 morti. Un ghje micca una ciffra bassa da rapportu à u numeru d’abitenti ma un ghje micca dino una ciffra chi ci deve obligà à stringhje un po più è libertà citatine. U beni stà di a ghjente riposa nanta u cumpurtamentu di ognunu, e prima di tuttu rispettà è regule di distanze, pulissi e mani spessu e purtà mascherine. Un ci scurdemu che u Covid accende d’altre foculaie. Quelle di una sucietà viutata da u so rapportu fisicu, fendu di u parente o di l’amicu un periculu. A parolla « a larga » diventa a manera di salutà ci. Siamu attenti à ste trasfurmazione chi mudificheghjanu a relazione suciale. Un ci avissemu. Tenimu u nostru patrimoniu suciale prontu à rinasce quandu i tempi saranu più sereni.

U virus c’ha messu di fronte à a catastrofa di u liberalismu economicu chi ha spezzatu l’ospitali, assufucatu i persunali medicali e i servizi publichi à prò di un’industria speculativa contra quella di a vita. A l’ora di u scunfinamentu un ci lasciemu arrubà e nostre libertà fundamentale già messe sottu sottu….
Petru luigi Alessandri

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

Petru Luigi Alessandri

A proposito di Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

Vedi tutti gli articoli di Petru Luigi Alessandri →