Oggi in Corsica solo 400 alunni su 25.558 delle scuole elementari sono tornati in classe

La maggior parte degli scolari dell’isola non è andato a scuola il 12 maggio. Infatti, su oltre 25.558 alunni delle scuola primaria, solo 400 riprendono le lezioni.

Questo 11 maggio 2020, ultimo giorno di quarantena in Francia, segna la riapertura delle scuole. In Corsica, per questo primo giorno, 50 insegnanti sono tornati in classe per questo “rientro in servizio”. Questo martedì solo 400 bambini li hanno seguiti a scuola a loro volta.

Anche la rettrice della Corsica Julie Benetti è ritornata nella scuola elementare di Sartena.

Il 98,4% degli studenti resta a casa

L’Accademia di Corsica ha 25.558 alunni delle scuole primarie ma questo 12 maggio, solo 35 scuole su 257 sull’isola hanno riaperto le porte.
Se a livello nazionale la percentuale è più alta, in Corsica ci sono solo 30 comuni che hanno optato per la riapertura. La priorità è data agli alunni nella grande sezione della scuola materna, nel cours préparatoire [prima elementare ndr] e cours moyen 2 [quinta elementare], ai figli di infermieri e che hanno genitori che svolgono “lavori essenziali”, ai bambini con disabilità o in situazioni di ritardo scolastico – secondo i metodi indicati da dal ministero dell’Educazione Nazionale.

La maggior parte dei sindaci dell’isola ha scelto di non riaprire gli stabilimenti nei loro comuni a causa della difficoltà di applicare il protocollo sanitario raccomandato dallo Stato.
È il caso di Ajaccio, dove Laurent Marcangeli ha deciso di posticipare l’inizio dell’anno scolastico a settembre perché “oggi non siamo in grado di organizzarlo nelle migliori condizioni, tenendo conto in particolare del protocollo sanitario che ha è stato inviato domenica dal Ministero dell’Educazione Nazionale. ”

A Bastia, il secondo comune più grande della Corsica, Pierre Savelli ha preso anche la decisione di non riaprire le scuole materne e le scuole elementari del comune. Anche se il sindaco di Bastia ha deciso che nessun bambino sarà accettato nelle scuole di Bastia, ha comunque garantito “un’accoglienza eccezionale che richiede un’implementazione impegnativa che non può essere organizzata in fretta”.
È per questo motivo che nessun bambino è stato ammesso alle scuole di Bastia il 12 maggio; il rientro infatti è previsto per il 18 maggio.

 

Fonte: Corse Net Infos

Andrea Meloni

Di origini sarde e calabresi ma genovese di nascita, laureato in scienze geografiche presso l'Università di Genova nel 2013 e socio della sezione Liguria dell'AIIG (associazione Italiana insegnanti di geografia), risiede nell'Appennino Ligure in val Borbera, una valle piemontese ma da sempre legata alla confinante Liguria e da agosto 2015 è redattore di Corsica Oggi. Collabora da marzo 2016 con la società cartografica geo4map di Novara, nata da una costola di DeAgostini e da giugno 2017 con il quotidiano genovese Il Secolo XIX. Adora viaggiare ed è innamorato della Corsica.

Avatar

A proposito di Andrea Meloni

Di origini sarde e calabresi ma genovese di nascita, laureato in scienze geografiche presso l'Università di Genova nel 2013 e socio della sezione Liguria dell'AIIG (associazione Italiana insegnanti di geografia), risiede nell'Appennino Ligure in val Borbera, una valle piemontese ma da sempre legata alla confinante Liguria e da agosto 2015 è redattore di Corsica Oggi. Collabora da marzo 2016 con la società cartografica geo4map di Novara, nata da una costola di DeAgostini e da giugno 2017 con il quotidiano genovese Il Secolo XIX. Adora viaggiare ed è innamorato della Corsica.

Vedi tutti gli articoli di Andrea Meloni →