Azilone-Ampaza nella valle del Taravo: un paese rinato

Arroccato a 450 metri di altitudine nel cuore del Medio Taravo a 40 km a sud di Ajaccio, Azilone-Ampaza deve la sua fama tanto alla dolcezza della vita quanto alla ricchezza della sua terra, generosamente coltivata a uliveti.

Il comune è composto da due frazioni: Azilone (la più grande) e Ampaza, che si fronteggiano, distanti 3,8 km. Ha la particolarità di vedere due volte: due chiese, due edifici comunali, due pozzi …

Sotto l’aria di una leggera rivalità tra le due città, la città rivendica questa doppia nazionalità. Se Ampaza si distingue per il suo piccolo patrimonio e il suo prestigio, Azilone è rinomata per la sua agricoltura e artigianale. Ma stanno vivendo lo stesso boom.

“All’inizio degli anni ’90 ad Ampaza c’erano 9 abitanti. Oggi sono 120”, dice il sindaco Marie-Dominique Chiarisoli. Stessa storia su Azilone. 90 anime 20 anni fa, ce ne sono 230 adesso.

Chi è il nuovo sindaco?

“Abbiamo assistito al contrario dell’evoluzione dei villaggi dell’interno. Azilone-Ampaza è il comune della microregione che ha visto la sua popolazione aumentare maggiormente negli ultimi due decenni”. Una cittadina dinamica, ma non particolarmente frequentata dai turisti, mentre c’è da vedere e da fare.

Come dovresti chiamare Marie-Dominique Chiarisoli? Signora sindaco, signora sindaco, signora la sindaca? Domanda inevitabile quando una donna prende le redini di un paese. Silhouette snella ed elegante, si descrive prontamente come una maniaca del lavoro. Single, senza figli, a 49 anni, è anche la prima donna a farsi carico del comune. Mente lucida. Vivacità. “È ancora preoccupata per la sua città”, dice l’agricoltore Vincent Paolantonacci.

Laureata in giurisprudenza presso l’Università di Corte, impiegata presso la direzione regionale del Pôle Emploi, si è destreggiata tra le sue due attività sin dalla sua elezione il 15 marzo 2020. Andata e ritorno Azilone-Ajaccio, telelavoro … Ecco il nuovo sindaco in prima linea, come altri sindaci delle zone rurali in particolare, durante i reclami, che spesso erano l’ultimo legame sociale con i più indigenti.

Un primo termine che fa luce su questa donna tutt’altro che sconosciuta. Consigliere comunale dal 1995, eletta assessora nel 1997, poi vice sindaca nel 2001 fino a marzo 2020. Il sindaco è subentrato ad Antoine Peretti, che è rimasto 23 anni alla guida del comune di Azilone-Ampaza. Ovviamente, in carica da 9 mesi, i suoi sentimenti non sono quelli di un funzionario eletto appena sbarcato. “Quando intraprendo qualcosa, mi impegno con passione”, ha finalmente lasciato andare.

Promuovere la casa di proprietà
“Non siamo un Comune ricco. Il territorio non è immenso e l’ammontare delle borse di studio dello Stato non è enorme”.

Tuttavia, l’assessore può congratularsi con se stesso per la buona salute delle finanze del comune. “Il mio predecessore non mi ha lasciato nella miseria, tutt’altro. Me ne vado su una base sana e solida”.

La scelta di stabilire una suddivisione comunale. Il primo, prodotto su Ampaza, è stato avviato negli anni ’80 dall’ex sindaco, il compianto Giuseppe Paolantonacci. Ma i lotti non furono mai venduti e Antoine Peretti decise di rilanciare il progetto all’inizio degli anni 2000.

Per rilanciare la demografia. Dopo i lavori, il Comune è riuscito a rilasciare 10 lotti su questa suddivisione, “a prezzi imbattibili”. “Con il senno di poi, questa operazione ha permesso a persone che all’epoca non avrebbero mai potuto accedere alla proprietà”. Famiglie che sono ancora stabilite nel villaggio tutto l’anno. Più recentemente è emersa un’altra lottizzazione su Azilone, con quattro lotti già venduti e costruiti. Nota: negli ultimi vent’anni il Comune ha rilasciato più di 40 licenze edilizie.

Il 2021 si preannuncia ricco di progetti

La macchina si è avviata. Anche in questo caso si toglie il cappello ad Antoine Peretti. “Sono stati eseguiti tutti i principali lavori strutturali, come la completa distribuzione della rete idrica attuata dal mio predecessore”. Un’operazione importante. Per condurre a pieno ritmo il suo mandato, Marie-Do Chiarisoli intende suonare la sua colonna sonora.

“Il mio progetto è quello di puntare sul miglioramento dell’ambiente di vita attraverso la valorizzazione dei vari luoghi pubblici, la creazione di un cimitero comunale (un generoso donatore ha donato 4000 mq di terreno), la ristrutturazione e l’ampliamento del municipio”. Prima della fine del mandato. “Vedere la città evolversi e la soddisfazione degli abitanti è solo positivo”, racconta.

Inoltre nel comune è nato Monsignor Paul-Matthieu de La Foata, detto Monsignori di la Fuata (1817-1899), Vescovo di Ajaccio dal 1877 e autore di  Poesie Giocose, in lingua vernacula di a pieve d’Ornanu. In itaiiano scrisse Traduzione italiana delle litanie del mese di Maria.

Monumento dedicato a Monsignori di la Fuata a Azilone

Foto: Ma Corse de Jean Marie Vergés

Fonte: Corse Matin