Al Museo di Belle Arti di Ajaccio fino ad ottobre una mostra sull’arte veneta del XVII secolo

Il 29 giugno è cominciata l’esposizione al Museo di Belle Arti di Ajaccio – Palazzo Fesch che ci sarà fino al 1° ottobre, la mostra espone 66 opere d’arte di grandi artisti veneziani del XVII secolo.

Un tuffo nella Venezia del XVII secolo, dove si sono incontrati i più grandi artisti del loro tempo. Questo è ciò che offre il Museo di Belle Arti Ajaccio. 66 pezzi saranno scoperti fino al 1 ° ottobre.

Il Museo di Belle Arti di Ajaccio offre una mostra dedicata all’arte veneziana del XVII secolo. È la primo sul territorio francese ed è la terza parte di un trittico sul Seicento italiano avviato dal Museo.

“Abbiamo fatto [la mostra su] Firenze (2011), poi Milano e Lombardia (2014) e questa volta abbiamo creato Venezia. Era probabilmente la scuola più dimenticata. La prima mostra si è svolta a Venezia nel 1959 e da allora non ha avuto nulla “, afferma Philippe Costamagna, direttore e conservatore del Museo Fesch.

Primo insegnamento di questa mostra: la vitalità e la varietà di questa scuola veneziana, stimolata e rinnovata da artisti stranieri. “Gli stranieri vengono a copiare per ammirare i grandi artisti di Venezia del XVI secolo. Vogliono sperimentare nuovi percorsi di pittura o scultura. Non sono solo imitatori passivi come abbiamo pensato a lungo. Stanno davvero per dare un nuovo modo all’arte del XVII secolo e lo metteranno nel XVIII secolo “, dice Linda Borean, Università di Udine, curatrice della mostra.

Sette tematiche

In una delle sale, un’opera inedita di un pittore bavarese, un perfetto esempio del tema dell’incontro. “L’artista, il cui nome è Joseph Heintz. Il giovane ha avuto la buona idea, firmare il suo tavolo e registrare la data. Così, sappiamo quando fu dipinto nel 1673. E grazie a ciò, siamo stati in grado di scoprire chi era l’ambasciatore, un grande diplomatico francese alla corte di Luigi XIV “, afferma Stefania Mason, dell’Università di Udine, commissaria dell’esposizione.

Visioni estatiche, eroi o eroine della Bibbia o dell’antichità. La mostra è costruita attorno a sette tematiche. “Abbiamo visto che c’erano fili rossi soprattutto attorno ai ritratti. Perché nel diciassettesimo secolo, il culto dell’individuo si diffonderà “, dice Linda Borean.

Le 66 opere, alcune delle quali non sono mai state esposte, provengono dalla Galleria dell’Accademia di Venezia e da collezionisti privati, ma soprattutto da musei francesi e si possono vedere fino al 1 ° ottobre.

INFORMAZIONI

“Rencontres à Venise : Étrangers et Vénitiens dans l’art du XVIIe” dal 29 giugno al 1°ottobre

Ingresso al Museo: 8 euro (intero), 5 euro (ridotto)

Orari: h 9:15-18:00

Indirizzo: 50-52 rue cardinal Fesch, 20000 Ajaccio 

 

Fonte: France 3 Corse Via Stella

Andrea Meloni

Di origini sarde e calabresi ma genovese di nascita, laureato in scienze geografiche presso l'Università di Genova nel 2013 e socio della sezione Liguria dell'AIIG (associazione Italiana insegnanti di geografia), risiede nell'Appennino Ligure in val Borbera, una valle piemontese ma da sempre legata alla confinante Liguria e da agosto 2015 è redattore di Corsica Oggi. Collabora da marzo 2016 con la società cartografica geo4map di Novara, nata da una costola di DeAgostini e da giugno 2017 con il quotidiano genovese Il Secolo XIX. Adora viaggiare ed è innamorato della Corsica.

,