Una Festa per “Raccontare la Scienza e immaginare il futuro” all’Università di Corsica

In occasione della 28ª edizione della Festa della Scienza, l’Università Pasquale Paoli di Corte, in collaborazione con l’Accademia di Corsica, ha organizzato questo martedì 12 novembre un evento interattivo e diversificato, animato dallo slogan “à dumane”.

Con il tema “Raccontare la Scienza, immaginare il futuro”, gli studenti e i ricercatori dell’università si sono riuniti ieri al Campus Grimaldi per proporre attività su temi che sono in relazione con le principali sfide del XXI secolo. Transizione energetica, conservazione della biodiversità, progressi digitali, ma anche la presentazione di strumenti della Preistoria, il campo della scienza è vario.

Dalla preparazione di flauti con ossi di animali e dall’inizio della sedentarizzazione, fino all’intelligenza artificiale e ai giardini acquaponici autosufficienti, questi workshop presentano in modo interattivo l’evoluzione della scienza cercando di anticipare ciò che sarà domani. Le porte della sala dello sport del campus erano aperte a tutti, agli studenti di tutte le età, tuttavia è importante sottolineare che, per il suo carattere interattivo, ne sono diventati anche gli attori.

L’approccio è chiaro: l’attività umana sul suo ambiente si esercita a tutti i livelli, misurare le conseguenze e reagire è alla portata di tutti.
Un modo vivo e sensato di insegnare ai giovani che la scienza non è un campo inaccessibile che si evolve in autonomia, ma che riguarda il coinvolgimento di tutti per costituire il futuro.

Fonte: Corse Net Infos (Benjamin Bourgeois)