L’ex Presidente Nicolas Sarkozy accolto ad Ajaccio da quasi un migliaio di sostenitori

Martedì 13 agosto Nicolas Sarkozy ha dedicato il suo nono e ultimo libro “Passions” in una libreria del centro commerciale Leclerc Baleone, vicino ad Ajaccio. Quasi mille persone sostenitori presenti.

Un viaggio veloce per parlare ai media in ogni caso – solo letteratura. L’ex capo di stato è rimasto due giorni in Corsica, dove è stato ancora una volta in grado di misurare la sua popolarità, durante la sessione di firma del suo ultimo libro “Passions“.

Lo spazio culturale di una vasta area del Leclerc Balone di Sarrola-Carcopino aveva ordinato 700 copie in più di quanto richiesto dal suo magazzino e sono stati subito venduti. “Passions“. Un titolo che suona bene con l’atmosfera, perché in effetti, un’ora prima dell’arrivo di Nicolas Sarkozy dalla città, dove ha pranzato con i suoi due figli e i suoi sostenitori locali i più fedeli, già più di un centinaio di la gente era in fila.

“È in vendita da un po ‘di tempo, ma abbiamo fatto un ordine speciale per l’occasione, che è un po’ più popolare qui che nel continente …” ha spiegato Sebastien Gargonne, direttore dello spazio culturale.

Tra la folla c’erano turisti, ma soprattutto corsi di tutta l’isola.

“Ha ragione, ha tutto, che, è intelligente… oggi sono solo marionette che noi abbiamo al potere!” dice Anna di Carbuccia che è venuta con un’amica.

“Oh mì, mi sta firmando il libro, parlami del libro!”

Nicolas Sarkozy è sempre riuscito a federare gli elettori corsi di destra alle sue spalle, durante i sondaggi nazionali, anche durante l’ultima primaria di destra e centro, nel 2016, dove aveva superato il 43% dei voti espressi nel primo turno (20,7% a livello nazionale).

Ma non è venuto a parlare di politica, tutt’altro .. Difficile estrargli persino una parola sulla situazione politica in Corsica, o persino sul dialogo tra Stato ed Esecutivo nazionalisti.

“Sono davvero felice di essere qui, è una terra che ho sempre amato”, spiega Nicolas Sarkozy. “Cerco di tenermi informato su tutto ciò che riguarda la Corsica”.

Non molto di più sul ritiro della vita politica di Marcel Francisci,presidente dimissionario della presidenza della federazione  dei Les Républicain della Corsica del Sud dallo scorso giugno, al quale si limita a confermare – se necessario – il suo amicizia.

“Consiglia il presidente Emmanuel Macron sul metodo usato con i nazionalisti, questo calore umano non ti fa venire voglia di candidarsi nuovamante ad nuovo scrutinio?” A queste domande, come altre, verrà data risposta solo con un gioco di prestigio, di cui questo politico francese mantiene ogni tecnica.

Quale futuro in politica?

Ma a 64 anni Nicolas Sarkozy pensa ancora di tornare in politica?

“Sono tra coloro che desiderano, ovviamente, un ritorno di Nicolas Sarkozy”, afferma Marcel Francisci, “purtroppo non ho informazioni da darvi su questo argomento […]”.

“Possiamo sperare di sì, ma mi sorprenderebbe, penso che abbia tracciato una linea politica”, afferma Pierre-Jean Luciani, consigliere territoriale “Corsica nella Repubblica” e potenziale candidato alle prossime elezioni comunali di Ajaccio.

La persona interessata non risponderà nemmeno a questa domanda. A 64 anni, Nicolas Sarkozy potrebbe ancora essere conrtrariato dalla sua sconfitta alla destra e al centro nel 2016, da cui mantiene una relazione accesa con alcuni dei suoi dirigenti o ex dirigenti. È anche sempre più preoccupato per la giustizia. Accusato nel cosiddetto “finanziamento libico” della sua campagna presidenziale del 2012, l’ex presidente della Repubblica deve anche essere processato per “corruzione” e “scambio di favori” nel caso chiamato delle “intercettazioni” “.

Fonte: France Bleu RCFM