Corsica: 20.000 lavoratori stagionali con molti diritti da rispettare

Come ogni estate, i sindacati vanno in giro per l’isola per incontrare i lavoratori stagionali. Secondo il sindacato Confédération française démocratique du travail (CFDT), la Corsica avrebbe 20.000 stagionali. Obiettivo per il sindacato, informare i lavoratori sui loro diritti che non sono sempre rispettati

“I due giorni di ferie settimanali non sono sempre rispettati, tassi di lavoro infernali , salari che non seguono o difficoltà a trovare un alloggio.” Questa è la lista non esaustiva che Marie Josée Salvatori, segretaria regionale del CFDT per la Corsica, attinge dai problemi incontrati dai lavoratori stagionali che lavorano in estate sull’isola.

Cattive condizioni di lavoro incontrate in alcuni stabilimenti che, secondo Ines Minin, segretario nazionale del CFDT responsabile di “una cattiva immagine” stagionale che ha l’effetto di penalizzare il reclutamento di dipendenti per le stagioni successive. “Al tempo dei social network, quelli stagionali scambiano più facilmente le informazioni sul modo in cui hanno vissuto la stagione”, aggiunge il segretario.

Una riforma che priva i lavoratori stagionali delle indennità di disoccupazione?
Oltre alle difficoltà che possono incontrare durante l’estate all’interno, si aggiunge quest’anno la nuova riforma dell’assicurazione contro la disoccupazione, che penalizza i lavoratori stagionali secondo il sindacato. Il decreto è stato pubblicato sulla rivista ufficiale il 26 luglio. Per Marie Josée Salvatori, “dover contribuire con 6 mesi invece di 4 per beneficiare delle indennità di disoccupazione eliminerà molte persone, in particolare i lavoratori stagionali che lavorano per ricaricare i propri diritti”. Secondo lei, “il rischio è vedere questi impiegati muoversi verso minimi sociali”. Secondo il sindacato, questo è un “vero problema poiché la Corsica ha 20.000 lavoratori stagionali”.

Il tour estivo delle organizzazioni sindacali continua. Questo lunedì 5 luglio è il turno della CGT di andare incontro ai lavoratori stagionali. L’appuntamento è fissato in mattinata sulla piazza del mercato di Ajaccio.

 

Fonte: France Bleu RCFM 

Andrea Meloni

Nato a Genova nel 1986, laureato in Scienze Geografiche nel 2013. Ha collaborato nel 2016 e 2017 con la Geo4Map (ex DeAgostini) di Novara, nel 2018 ha scritto alcuni articoli sul Secolo XIX. Insegna dal 2018 Geografia nelle scuole superiori a Genova, è socio dell'Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (AIIG) e abita nell'Appennino Ligure al confine tra Piemonte e Liguria. Ama anche la storia e ama la Corsica dal 2010 e ha visitato due volte l'isola.

Andrea Meloni

A proposito di Andrea Meloni

Nato a Genova nel 1986, laureato in Scienze Geografiche nel 2013. Ha collaborato nel 2016 e 2017 con la Geo4Map (ex DeAgostini) di Novara, nel 2018 ha scritto alcuni articoli sul Secolo XIX. Insegna dal 2018 Geografia nelle scuole superiori a Genova, è socio dell'Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (AIIG) e abita nell'Appennino Ligure al confine tra Piemonte e Liguria. Ama anche la storia e ama la Corsica dal 2010 e ha visitato due volte l'isola.

Vedi tutti gli articoli di Andrea Meloni →