Isola Rossa: a rischio la sezione bilingue dell’elementare Albert Camus

Dopo le scuole di Lumio e Calenzana minacciate della soppressione di una classe – decisione poi ritirata su pressione dell’amministrazione locale e dei genitori – il problema si ripresenta ora alla scuola elementare Albert Camus di Isola Rossa.

E questa volta è l’intera sezione bilingue ad essere a rischio. I numeri parlano chiaro: il numero di bambini iscritti alla sezione dovrà passare dagli attuali 97 a 108 entro il prossimo rientro scolastico.

Per ora l’accademia è ferma su questa posizione, e solo un conteggio favorevole nelle iscrizioni all’anno scolastico 2015/2016 potrà influenzarla.

Per far fronte alla situazione, martedì scorso alle 18 presso l’auditorium della scuola, si è tenuta una riunione straordinaria cui hanno partecipato numerosi genitori degli alunni, e attori del mondo scolastico della città paolina.

Inizialmente si era parlato di un blocco del complesso scolastico questo mercoledì, con una manifestazione.

Ma al termine di una discussione costruttiva si è deciso di rinunciare a questo tipo di azione per orientarsi invece verso un’opera di pubblicità e informazioni volta ad attirare un numero maggiore di bambini verso questo complesso scolastico, che ha molti punti a suo favore, tra cui una magnifica mensa in grado di accogliere fino a 120 bambini, inaugurata solo nel 2012, e tanti altri vantaggi.

Per riuscire a trovare i bambini mancanti, i genitori in collaborazione con la municipalità di Isola Rossa, fanno appello anche alla solidarietà dei comuni vicini. Presto sarà pronto un piano d’azione, che comprenderà anche una giornata “porte aperte” per mostrare la scuola ai potenziali genitori interessati.

Speriamo che tutto questo serva a mantenere aperta questa sezione bilingue.

———
Fonte e immagine: CorseNetInfos.fr