In Corsica la copertura vaccinale contro il morbillo è superiore alla media francese

Questa è la grande notizia per la salute del momento. Il morbillo è tornato in Francia. Numerosi focolai epidemici sono stati identificati, in particolare nella stazione sciistica di Val Thorens con oltre 48 casi registrati il ​​2 marzo. La preoccupazione delle autorità pubbliche aumenta man mano che vengono identificati nuovi casi.

Dal 1° gennaio, 244 persone sono state infettate nell’Esagono. L’anno scorso, il morbillo ha ucciso circa 136.000 persone in tutto il mondo, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Lo scorso venerdì, l’UNICEF ha sottolineato la responsabilità della Francia per il risorgere di questa malattia ultra-contagiosa.

Il paese è infatti tra i dieci stati in cui “l’aumento preoccupante dei casi di morbillo” è stato osservato l’anno scorso. La Francia, un paese di sicurezza sociale, arriva al decimo posto dopo Ucraina, Filippine, Brasile, Yemen, Venezuela, Serbia, Madagascar, Sudan e Thailandia….

“In Corsica, deve migliorare la seconda dose del vaccino”

Oltre alla presenza francese in questa cupa classifica, il caso di una famiglia del Var (PACA) sospettata di aver importato la malattia in Costa Rica poche settimane fa, ha fatto scalpore sulla stampa in lingua spagnola.

La malattia era scomparsa da questo paese centroamericano cinque anni fa, al costo di un’intensa campagna di vaccinazione obbligatoria.

Nella sua dichiarazione, il direttore esecutivo dell’UNICEF, Henrietta H. Fore, ha dichiarato: “Prendiamo l’allarme Abbiamo un sicuro, economico ed efficace contro una malattia altamente contagiosa, un vaccino che salva. quasi un milione di persone vive ogni anno negli ultimi due decenni, e questi casi non sono emersi da un giorno all’altro. Le gravi epidemie a cui stiamo assistendo oggi hanno preso piede nel 2018 e, allo stesso modo, l’inazione di oggi porteranno a conseguenze catastrofiche per i bambini di domani “.

Le autorità pubbliche francesi sono quindi state chiamate a compiere ogni sforzo per incoraggiare la popolazione a vaccinarsi.

Il vaccino, in due dosi, è ora obbligatorio per i bambini nati dal gennaio 2018.

In Corsica, il tasso di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia (MMR) è “molto buono”, almeno per la prima dose (a 12 mesi), dice il Dr. Gisele Roubaud dell’Agenzia Regionale della Sanità (ARS) della Corsica, con un tasso di copertura del 94% nel 2017 in Corsica contro il 90% del continente.

Per la seconda dose del vaccino trivalente (tra 16 e 18 mesi), la copertura è inferiore ma ancora più elevata rispetto al resto del paese: 86% in Corsica contro l’80% del continente.

“In Corsica, sarebbe necessario progredire sulla seconda dose”, dice il dottore dell’ARS.

Gli adulti sono chiamati a recuperare: “È altamente raccomandato che le persone che non sono state vaccinate debbano ricevere il vaccino.

“Coloro che sono nati dopo il 1980 e hanno ricevuto solo una dose dovrebbero ricevere il secondo”, aggiunge il dott. Gisèle Roubaud.