Il presidente Emmanuel Macron proroga la quarantena fino all’11 maggio

Il capo dello stato ha annunciato una riapertura graduale delle scuole, ma non delle università o delle attività aperte al pubblico.

Durante il suo discorso televisivo di lunedì 13 aprile, il presidente della Repubblica Emmanuel Macron ha annunciato una proroga del periodo di confino per altre quattro settimane, fino a lunedì 11 maggio.

Questa nuova scadenza “sarà possibile solo se continuiamo a essere civili, responsabili, nel rispetto delle regole e se la diffusione del virus ha effettivamente continuato a rallentare”, ha affermato il capo dello stato, che esorta i francesi a “Continua i nostri sforzi e continua ad applicare le regole. Più vengono rispettati, più vite salveremo. ”

“L’11 maggio sarà l’inizio di una nuova fase”, promette Emmanuel Macron. “Sarà progressivo, le regole possono essere adattate in base ai nostri risultati. ”

La principale sorpresa di questo discorso: le scuole elementari, medie e le superiori potrebbero riaprire a maggio: “una priorità”, insiste Emmanuel Macron.

“Riapriremo gradualmente asili nido, scuole elementari, medie e  superiori. Questa è una priorità per me, perché la situazione attuale sta aumentando le disuguaglianze. Troppi bambini, specialmente nei quartieri della classe operaia, nelle nostre campagne, sono privati della scuola senza avere accesso al digitale. […] I nostri figli devono poter tornare a scuola. ”
“Per gli studenti dell’istruzione superiore, le lezioni non riprenderanno fisicamente fino all’estate”, ha aggiunto il Presidente della Repubblica.

Le persone vulnerabili restano in quarantena

“L’11 maggio si tratta anche di consentire a quante più persone possibile di tornare al lavoro, di riavviare il nostro settore, le nostre attività e i nostri servizi. I luoghi in cui si raduna il pubblico […] rimarranno comunque chiusi in questa fase “, continua Emmanuel Macron, citando in particolare ristoranti, caffè e cinema. “I principali festival ed eventi con un vasto pubblico non possono essere tenuti almeno fino a metà luglio prossimo. La situazione sarà valutata collettivamente da metà maggio. ”


Emmanuel Macron promette infine che i test saranno disponibili per chiunque abbia sintomi e che le maschere per il pubblico saranno rese disponibili ai francesi. Questi test saranno “prima eseguiti sui nostri anziani, il nostro personale sanitario e i più vulnerabili”, ha detto. Quindi, “11 maggio, saremo in grado di testare chiunque abbia sintomi”.
https://www.youtube.com/watch?v=QO5WpdTr4ns
Fonte: L’Obs