Giovane coppia sarda bloccata a Porto Vecchio torna in Sardegna grazie ai social

GIOVANE COPPIA SARDA BLOCCATA A PORTO VECCHIO,TROVATI I MEZZI PER RIMPATRIARLI ATTRAVERSO UN APPELLO SOCIAL

Salve a tutti voi lettori di CorsicaOggi

Mi chiamo Federico ed ho 30 anni,sono originario di Ghisonaccia ma vivo a Falconara Marittima,nelle Marche dove sono cresciuto in una famiglia marchigiana che mi ha adottato quando avevo tre anni,mi piace giocare a tennis e nella vita faccio il collaboratore scolastico in un istituto di istruzione superiore dove mi occupo della manutenzione della palestra, seppur fino all’emergenza Covid-19 ero solo supplente ed ora non so il mio destino. Quando c’è una situazione particolare in Corsica o in Sardegna o che riguarda entrambe come in questo caso non resto mai indifferente.

Appunto,di questi tempi ci ritroviamo a casa isolati con il Coronavirus alle porte, quindi dobbiamo trovare un modo per ammazzare il tempo. Girando sui gruppi di Facebook inerenti ai legami tra Italia e Corsica,mi è capitato di leggere un appello di due giovani ragazzi, Christopher Porcu di 19 anni ed Emanuela Pau di 22 originari del Sulcis sardo,i quali si trovavano bloccati a Porto Vecchio ed impossibilitati a rimpatriare in seguito all’emergenza Covid-19,in seguito alla chiusura dell’impresa dove lui lavorava come manovale.

Letto l’appello,in seguito alla richiesta di aiuto dei due giovani con una figlia di due anni,mi sono quindi messo in contatto con questa famigliola sventurata che poi si rivelerà essersi trovata di fatto nel posto sbagliato al momento sbagliato. Seppur ancora incerto di avere il posto fisso nel mondo del personale ATA, ho deciso di donare ben 150 € che di questi tempi sono una cifra da tenersi stretti soprattutto nella mia posizione di precario non di ruolo,ma almeno è sufficiente a coprire i due traghetti di collegamento Bastia-Livorno e Livorno-Golfo Aranci che questa famiglia è costretta a percorrere per via del mancato collegamento lungo le Bocche di Bonifacio. Il resto del denaro per coprire il viaggio è frutto di alcune donazioni dal paese di origine della coppia,ma fino a poche ore fa il problema era trovare in tempi di quarantena chi avesse il passaggio da Porto Vecchio a Bastia,per fortuna avvenuto grazie ad una residente locale che per una giusta causa può coprire l’intera costa orientale Corsa. Adesso per Christopher, Emanuela,la piccola ed il nascituro,i quali in data odierna hanno  iniziato il vorticoso viaggio di rientro al paese, abbiamo tutti noi lettori còrsi e italiani da augurare un forte in bocca al lupo.

Buona Pasqua da Federico Giacchetti, un italo-corso (o corso-italiano) di Falconara Marittima

Federico Giacchetti a Bonifacio