Il prefetto della Corsica: “Esercito il controllo della legalità ogni volta che è necessario”

Il prefetto della Corsica si ferma su alcuni dei temi già presenti sul tavolo. Rifiuti, capanne di paglia sulla spiaggia, benzina, altissima velocità, energia, relazioni con la Collettività, ribadisce il ruolo e il posto dello Stato

L’estate è stata piuttosto peggiore di quanto previsto sul pubblico demanio marittimo. Tuttavia, hai rimesso molte persone indietro e il problema potrebbe ricominciare la prossima primavera. Andrà fino alla fine?

Avevo implementato la mia strategia e il mio metodo molto prima della stagione. Questa strategia inizia a lungo termine.

La costa – che mostra il declino delle spiagge – è un vero argomento. Questo è il primo mattone, perché tutti possono vedere che l’erosione è al lavoro e inclina alcuni comuni dal pubblico dominio al pubblico dominio marittimo. Dobbiamo lavorare su queste linee che si muovono letteralmente e questo è l’obiettivo della missione parlamentare giunta all’inizio di questa settimana. L’approccio è il benvenuto perché penso che avremo bisogno del cittadino. Secondo passo, abbiamo proposto ai sindaci della costa un regime di concessioni sulla spiaggia e la maggior parte di loro ha risposto favorevolmente. Infine, esiste il regime di AOT (autorizzazione di occupazione temporanea, ndr) in cui ho nuovamente applicato ciò che avevo annunciato, attraverso tre fasi, prevenzione, verbalizzazione e sequestro, quest’ultima fase che si svolge sotto l’autorità del procuratore.

La sua forza non tremerà nel 2020?

Le fotografie aeree che confrontano il 2018 e il 2019 hanno mostrato enormi progressi in termini di libero accesso alle spiagge. Ma cosa vogliono i corsi se non possono accedere liberamente alle spiagge? Sono stati inoltre compiuti notevoli sforzi da parte dei gestori delle strutture che, con poche eccezioni, hanno generalmente rispettato i termini del regime. Con una serie di verbalizzazioni in calo rispetto al 2018. Quindi, sì, alcuni lo hanno fatto mentre gemevano, ma altri mi hanno anche detto che le spiagge erano molto più attraenti senza la presenza di file di ombrelloni che avanzavano al mare. Andiamo alla fine? Sì. Nel 2020, implementeremo il dispositivo per rispettare il Padduc.

Dopo Prunelli, Viggianellu arriverà a saturazione tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre. Non sarà richiesta alcuna richiesta o estensione del tonnellaggio. Entrambi i casi. Ma ha bisogno di una soluzione. Fino a che punto può contribuire lo stato?

Abbiamo diverse scadenze in questo file. Innanzitutto, su un orizzonte molto breve: cosa facciamo entro la fine di dicembre? Ho avuto il presidente della comunità dei comuni della pieve de l’Ornano, la signora Bozzi, che è la più preoccupata poiché la maggior parte dei suoi comuni non aderisce a Syvadec e che sarà rapidamente un empasse. Ci saranno saldi per questa commedia ma in un quadro normativo.

La pressa per balle verrà inoltre utilizzata per le restanti tonnellate rimanenti alla discarica alla fine dell’anno. Avevo, è vero, avanzato, qualche mese fa, la cifra di 17.000 tonnellate. Ora è stato rivisto al ribasso – 8.000 tonnellate – e possiamo essere felici che lo smistamento alla fonte stia iniziando a produrre i suoi effetti, sapendo che ovviamente deve essere accentuato. Seconda domanda, cosa facciamo per i prossimi tre anni? L’unico ruolo possibile dello stato è l’indagine dei file, nonostante tutto ciò non sia trascurabile. Proporrò al Presidente dell’Esecutivo che avremo un approccio globale a settembre, una volta che il Presidente del Tribunale amministrativo (TA) si sarà pronunciato sul caso di Giuncaggio attualmente in contenzioso e per il quale è prevista una decisione 19 settembre.

Da lì, devi avere una visione d’insieme di ciò che può essere autorizzato al più presto per il 2020, il 2021 e il 2022. Questa è l’urgenza.

Dove siete nel progetto di Alexandre Lanfranchi?

Questo progetto è conforme ai testi, tuttavia non implica l’adesione politica di uno e degli altri. È questo file che voglio ridiscustere, ma per quanto riguarda ciò che sarà deciso dall’AT per Giuncaggio. Sarà necessario, in ogni caso, in questo problema dei rifiuti, prendere decisioni forti e lo Stato sarà totalmente partner.

Punto caldo di questa stagione, lo studio tanto atteso e molto segreto sulla distribuzione di carburanti sull’isola. Ha promesso di inviarlo a settembre. Ne vuole parlare?

Questo dossier, contrariamente alle apparenze, avanza.

E non oltre questa estate, l’autorità garante della concorrenza ha chiesto ulteriori elementi il ​​1° agosto. Il 31 luglio, inoltre, si è svolta a Parigi una discussione tecnica tra la DGEC (direzione generale per l’Energia e il clima), la DGCCRF (direzione generale per la concorrenza, gli affari dei consumatori e il controllo delle frodi) e Rubis. Lo dico perché devi diffidare di false buone idee come la tassazione. Lo dico perché devi diffidare di false buone idee come la tassazione. Anche se l’imposta fosse eliminata, i benefici sarebbero estremamente trascurabili. Ciò che il governo vuole è prendere la decisione giusta per avere un impatto sul prezzo pagato alla pompa. Stanno emergendo tracce, essendo stata fatta l’analisi dei diversi costi della catena.

Le speculazioni vanno bene sulla non comunicazione di questo studio, incluso, si dice, per proteggere alcuni…

Non vi è alcuna preoccupazione per la protezione di nessuno. C’è l’autorità garante della concorrenza che conduce le sue indagini. Spero che l’incontro tecnico di luglio si aprirà con una decisione politica di avere un effetto concreto sul prezzo alla pompa. Presentiamo uno studio solo se c’è una decisione politica, quindi i due andranno insieme. Tuttavia, specificheremo i dettagli dei costi all’interno di uno specifico sistema corso con l’aggiunta sistematica di carburanti che non esistono altrove. C’è probabilmente un modo di lavorare. Poiché probabilmente ce n’è uno da cercare nei costi di fornitura e stoccaggio, nonché nella rete di distribuzione. A settembre, un incontro a livello nazionale e a livello di politici, dati gli elementi che porteranno Rubis, adatterà le risposte.

Un’altra parola, questa volta, ha detto al Primo Ministro che aveva riportato nelle nostre colonne. Si interrompe qualsiasi procedura del dossier sulla fibra ottica dopo una prima battuta d’arresto. Conferma?

Questa è la mia proposta Ho scritto al presidente del tribunale amministrativo, con una copia al presidente dell’esecutivo, per dirgli che ho scoperto che nel suo giudizio sommario aveva giudicato nel merito. E che ne ho preso atto.

Ho anche notato in questa lettera che il procedimento giudiziario era ancora pendente. Mi sono ritirato all’inizio di luglio con lettera al presidente dell’AT e ho informato Gilles Simeoni.

Non è stata troppo zelante?

Ho esercitato nella mia anima e coscienza la mia missione di controllo della legalità – insisto su illegalità amministrative, insisto – come faccio in materia di pianificazione urbana anche se si preferisce dire che lo Stato non svolge il suo ruolo ruolo.

Non l’ha sempre fatto in passato…

Facciamo un esempio specifico. Nella prima metà del 2019, in Corsica del Sud, ho avviato 99 appelli di pianificazione urbana, 66 dei quali relativi a aree agricole strategiche. Ciò rappresenta un terzo degli appelli controversi in termini di pianificazione urbana del cittadino.

Con zelo e forza, lo stato sta preparando molto sulla questione energetica. Quando è la certezza dell’arrivo del gas naturale nel 2023?

Il protocollo firmato durante la visita del Primo Ministro all’inizio di luglio sarà seguito dal nuovo ministro. Durante la sua recente visita in Corsica, Élisabeth Borne ha annunciato un comitato direttivo all’inizio di settembre, che si è tenuto giovedì. La chiave è l’impegno a rispettare l’impegno assunto dal Primo Ministro, vale a dire, di andare il più rapidamente possibile in termini di tempistica su ciascuno dei punti definiti come, da un lato, l’appuntamento dell’autonomia nel 2050 e, d’altra parte, all’appuntamento con l’arrivo del gas naturale per la centrale di Ricanto nel 2023. È questo percorso che viene tracciato.

Fonte: Corse Matin