Il 28° Festival del Cinema Italiano di Bastia: il racconto di una settimana ricca di emozioni

Come ogni anno il festival del cinema italiano, diretto da René Viale è un evento molto atteso nella bella città di Bastia. Questa volta ancora, questa settimana è stata ricca di emozioni.

Il pubblico è passato dalle risate alle lacrime grazie ad una selezione di film molto vari, selezionati dal programmatore Jean-Baptiste Croce, i quali affrontano temi attuali come la disoccupazione, la famiglia, l’amicizia, la morte, l’omosessualità, la Mafia, la cultura e soprattutto l’amore in ogni suo aspetto.

20160206_210300

A far parte della giuria, il produttore Matthieu Tarot, il professore di lingua e cultura italiana all’Università di Corsica Fabien Landron, che collabora anche con Corsica Oggi, lo sceneggiatore e direttore artistico del Petit Théâtre de l’Opera di Bastia Milou Tomasi, l’insegnante al liceo Nicoli e corrispondente per Corse Matin Michel Maestracci e l’attrice Toinou Massiani : hanno assegnato il Premio a Claudio Cuppellini per il suo film “Alaska”.

Un grande applauso a Claudio Cuppellini per la sua descrizione giusta e realistica dell’amore: una bella dimostrazione della forza dei sentimenti di fronte alla brutalità della vita.

Assegnati anche due Premi speciali, il primo per il film “Cloro” di Lamberto Sanfelice, con l’eccellente Sara Serraiocco, ed il secondo per “Scusate se Esisto”, una commedia di Riccardo Milani con i due bravissimi protagonisti interpretati da Paola Cortellesi e Raoul Bova.

DSCF4049La “Giuria Giovani”,  al 100% femminile quest’anno, era composta da Mélissa Silvestri, Caroline Martini e Lucie Gaspari, che rappresentano gli studi di lingua e cultura italiane dell’Università di Corsica, ha deciso di premiare il film di Sergio Castellitto “Nessuno si salva da solo” adattato dal romanzo di Margaret Mazzantini con Riccardo Scamarcio e Jasmine Trinca.

La commedia “Se Dio vuole” d’Edoardo Falcone si è invece aggiudicato il Premio del pubblico.

Durante questa settimana, con la collaborazione dell’Istituto Luce di Cinecittà, il festival ha reso omaggio al grande regista recentemente scomparso, Ettore Scola.

Quest’evento non potrebbe esistere senza i partner istituzionali come la Città di Bastia, la Collettività di Corsica, il Consiglio generale dell’Alta Corsica ma anche il Théâtre municipal e gli sponsor privati come Air France, Corsica Ferries, il quotidiano Corse Matin, la radio France Bleu Frequenza Mora e il canale televisivo regionale France 3 Corse Via Stella.

Il Festival è sostenuto dal Dipartimento dello spettacolo del Consiglio dei ministri italiano, dal Ministero degli affari esteri italiano, dal Consolato generale d’Italia a Marsiglia (competente per la Corsica), dal Centro cinema città di Cesena, dalla Direzione regionale degli affari culturali, dal Provveditorato della Corsica, dall’Ispettorato dell’Accademia della Corsica, dall’Ufficio turistico della Comunità di agglomerazione di Bastia e dall’Agenzia nazionale francese per la coesione sociale.

La serata si è conclusa con i sapori della cucina italiana, con il buffet di chiusura preparato dal Pulcinella 2 che ci ha incantato come ogni anno.

Lucie Gaspari

12309627_1251381544888558_4040954537880809847_o

Lucie Gaspari

Lucie Gaspari di San Fiurenzu in Corsica, prima di tutto isolana e libera, professoressa di musica, nel terzo anno di studi di lingua italiana all'Università di Corte, ma anche mamma di un bel ragazzo di 16 anni. Appassionata di musica tradizionale, di scrittura, di cultura, di natura, di fotografia, di gastronomia, ma soprattutto di tutto ciò che riguarda l'Italia.

Lucie Gaspari

A proposito di Lucie Gaspari

Lucie Gaspari di San Fiurenzu in Corsica, prima di tutto isolana e libera, professoressa di musica, nel terzo anno di studi di lingua italiana all'Università di Corte, ma anche mamma di un bel ragazzo di 16 anni. Appassionata di musica tradizionale, di scrittura, di cultura, di natura, di fotografia, di gastronomia, ma soprattutto di tutto ciò che riguarda l'Italia.

Vedi tutti gli articoli di Lucie Gaspari →