Difendimu e scole di i nostri paesi: Simeoni e Talamoni contro la chiusura delle scuole rurali

 Il presidente del Consiglio esecutivo della Corsica Gilles Simeoni e il presidente dell’Assemblea di Corsica Jean-Guy Talamoni il 9 febbraio hanno scritto un comunicato ufficiale contro le decisioni dell’Accademia della Corsica di chiudere le scuole di Morosaglia e Santo Pietro di Tenda a cui si aggiungono le decisioni di togliere un posto di insegnante bilingue nella scuola di Aregno e due posti insegnante nella scuola Albert Camus di Isola Rossa.
Ecco il comunicato ufficiale:

Il presidente del Consiglio esecutivo della Corsica e il presidente dell’Assemblea di Corsica si oppongono con forza contro la chiusura di scuole e classi previste dai servizi accademici.

Il destino di scuole rurali è una questione essenziale che giustamente preoccupa molti Corsi. Date le sue caratteristiche geografiche, demografiche e umane, alla nostra isola non possono essere applicati criteri tecnocratici del tutto inadatti per il proprio contesto. Tutte le misure di chiusura delle scuole rurali vanno contro le politiche di rivitalizzazione dell’entroterra e firmerebbero il certificato di morte dei nostri villaggi.

Ecco perché sosteniamo senza riserva gli eletti, i genitori e le comunità colpite dalla chiusura delle scuole, alcuni dei quali hanno deciso di dare prova di ieri come Santo Pietro di Tenda e Morosaglia. Quest’ultima è, infatti, altamente simbolica in quanto scuola del paese natale di Pasquale Paoli e fu aperta grazie alla sua eredità.
U Babbu di a Patria aveva posto l’istruzione al centro della sua azione politica, mentre la conoscenza è la chiave per l’emancipazione individuale e collettiva, ed è la stessa condizione di democrazia reale. I nuovi leader delle istituzioni còrse seguono questa eredità politica.

Abbiamo già contattato i servizi dello Stato per rivedere la loro posizione. Abbiamo detto che l’impegno degli eletti della Corsica è garantire pari opportunità per gli studenti rurali nelle scuole nei nostri villaggi.”

 

scuola bilingue

 

Fonte: Collettività della Corsica