Corsica: L’apertura delle scuole è un “rischio inaccettabile per i corsi” secondo Jean-Guy Talamoni

Il Primo ministro Edouard Philippe si è incontrato mercoledì pomeriggio in videoconferenza con i funzionari eletti corsi per fare il punto dell’epidemia di coronavirus. A seguito di questo incontro, il libero professionista Jean-Guy Talamoni ha dichiarato in una dichiarazione che l’apertura delle scuole rappresenterebbe “un rischio inaccettabile per i corsi”.

L’apertura di asili nido e scuole l’11 maggio rappresenterebbe “un rischio inaccettabile per i corsi”, stimato mercoledì il presidente dell’Assemblea della Corsica, l’indipendente Jean-Guy Talamoni, dopo un incontro in videoconferenza con Primo ministro.

“Per quanto ci riguarda, i test e le maschere sono due condizioni sine qua non per un’uscita sicura dal confinamento”, ha affermato Talamoni mercoledì sera in una dichiarazione a nome della presidenza dell’Assemblea corsa.

Ma “non è stato fatto alcun annuncio riguardante i test o lo stock di maschere disponibili” durante la discussione con Edouard Philippe, si è pentito, anche se “oggi l’Accademia di Medicina ha raccomandato di indossare una maschera per tutti ”.

Dopo lo stesso incontro, il presidente del consiglio esecutivo della Corsica, l’autonomista Gilles Simeoni, è stato meno diretto, rimpiangendo solo “le poche risposte concrete” dopo “un primo scambio da salutare”. “Tutto resta da fare, sulla strategia di uscita graduale dal contenimento e sull’essenziale piano di ripresa economica e sociale”, ha aggiunto il capo dell’esecutivo dell’Isola della Bellezza, su Twitter.

Questa riunione di mercoledì pomeriggio aveva in particolare riunito Simeoni e Talamoni, nonché i parlamentari dell’isola e i sindaci di Ajaccio e Bastia.

Ancor prima di questa intervista con il capo del governo, il sindaco di Ajaccio, Laurent Marcangeli, aveva spiegato su Twitter nel primo pomeriggio che intendeva esprimere la “volontà comune” dei sindaci dell’agglomerato di Ajaccio “Non aprire scuole l’11 maggio, a causa dello status di cluster cittadino”.

L’incontro, previsto per mercoledì alle 17, è stato quello di discutere “la situazione sanitaria e l’assistenza dei pazienti in Corsica”, “rispetto del confinamento sull’isola” e “procedure di deconfinamento”, secondo Matignon.

L’epidemia di Covid-19 è stata responsabile di 62 morti sull’isola, secondo un comunicato stampa del presidente dell’Assemblea della Corsica.

Fonte: Ouest France