Ajaccio: sabato una marcia cittadina per la pace a Gaza

By Redazione Mar 22, 2024 #ajaccio #guerra
Photo by Naaman Omar apaimages

Sabato 23 marzo 2024, il collettivo “Pour une paix durable au Proche Orient” organizza una marcia cittadina ad Ajaccio (con partenza da Place Abatucci). Recentemente intervistato dalla radio Alta Frequenza, Jean Alessandri ha illustrato l’approccio del gruppo.

Jean Alessandri, membro del collettivo, sottolinea che non si tratta di una manifestazione organizzata questo sabato ad Ajaccio, ma di una marcia di cittadini “per affermare il nostro sostegno alla popolazione [di Gaza]”. Tre slogan emergono dal messaggio del collettivo:“una pace giusta e duratura“, in particolare attraverso una soluzione a due Stati. I “massacri a Gaza devono essere fermati, perché si tratta di un massacro di massa“, sottolinea Jean Alessandri. Il secondo punto importante del messaggio del collettivo riguarda la“necessità di un cordone umanitario che possa essere realmente messo in atto“. La situazione attuale è “ridicola“, secondo Jean Alessandri, che sottolinea la scarsa quantità di cibo trasportata via mare mentre molti camion restano bloccati al confine. Infine, il terzo slogan del collettivo riguarda le sanzioni contro Israele. Jean Alessandri critica l’inazione della comunità internazionale, che ritiene di poter fare qualcosa ma non vuole farlo. Il collettivo ritiene che israeliani e palestinesi possano vivere in pace, grazie alla loro“cultura quasi condivisa“, non fornendo più munizioni e imponendo un blocco economico a Israele e avvicinandosi così al tavolo dei negoziati.

Jean Alessandri si è detto particolarmente commosso dalla situazione dei bambini di Gaza, messi in pericolo dai bombardamenti ma anche, e soprattutto, dalla mancanza di cure adeguate e dallo spettro della carestia. Un modo per ricordare che le preoccupazioni del collettivo sono innanzitutto umanitarie,  di fronte alle varie accuse di antisemitismo che hanno colpito il gruppo dall’anuncio della marcia cittadina. “Siamo attivisti antirazzisti di lunga data“, ha insistito Jean Alessandri, prima di concludere: “È molto doloroso per noi essere accusati di antisemitismo“.

Fonte : Alta Frequenza

Immagine di copertina :“Danni nella Striscia di Gaza durante l’ottobre 2023” di Wafa (Q2915969) per Wiki Palestine (Q117834684). Pubblicato su Wikimedia

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *