130 anni fa le ceneri di Pasquale Paoli ritornavano a Morosaglia

Il 4 settembre 1889, la bara contenente le ceneri di Pasquale Paoli arrivò a Isola Rossa sul Comte Bacciocchi,  nave della compagnia Valery.

Sul porto, la folla affollata di tutto l’arrodissement, riflette l’importanza dell’evento. La presenza di molte personalità tra cui il vescovo di Ajaccio, il vescovo  Paul-Matthieu de La Foata e il prefetto della Corsica, sottolinea la solennità del momento.

Pasquale Paoli, “capo generale” della nazione dal 1755 al 1769 e morto a Londra il 5 febbraio 1807, tornò finalmente nel suo paese natale. Trasportato nella chiesa della città dove il vescovo era in attesa, frequentato da molti sacerdoti, il corpo rimane lì fino al 6 settembre prima di essere trasferito a Morosaglia per essere depositato nella cappella della casa di Stretta dove il generale nacque il 6 aprile 1725.

Simbolico quanto politico, questo ritorno radica l’eroe nella sua isola natale, ma anche nella memoria collettiva, attraversando la storia della monarchia di Luigi XV alla Terza Repubblica dei Sadi Carnot, il primo presidente a fare un viaggio in Corsica nel 1890.

Nel suo discorso a Isola Rossa, il prefetto rende omaggio a tutti coloro che hanno reso possibile questo rimpatrio: “A nome del governo della Repubblica, saluto rispettosamente le ceneri di Pascal Paoli mentre ritornano nel loro territorio natio. dopo un esilio immeritato di 82 anni.

Non mi aspettavo il grande onore che mi spetta oggi, ma lascia che vi dica che non ero del tutto indegno, perché molto prima del suo sbarco sull’isola, conoscevo la storia nazionale della Corsica; Sapevo che nelle ore più critiche la nazione aveva affidato la cura dei propri destini a un uomo di appena 29 anni e che quell’uomo, allo stesso tempo, generale vittorioso, amministratore incomparabile, eminente magistrato, meritava il titoli di rigeneratore della Corsica e padre della Patria. “(1)

L’operazione di trasferimento è stata oggetto di un rapporto di Chanoine Saliceti, delegato della commissione speciale responsabile della traduzione delle ceneri. Dal 1865, con sede a Londra, i fratelli Casabianca sono i primi a lanciare l’allerta: la tomba di Paoli nella Saint Pancrace Old Church poteva essere distrutta a causa della costruzione di una linea ferroviaria.

Tale situazione ha spostato la Corsica nel suo insieme, come sottolineato dal canonico Saliceti. “La tomba è stata rispettata, ma un’ondata di ansia aveva conquistato il paese. Questa preoccupazione è stata manifestata da numerose petizioni. Quello che il Consiglio Comunale di Morosaglia ha inviato al Consiglio Generale ha suscitato l’assemblea. Nella sessione dell’agosto 1873 fu nominata una commissione; è stato aperto una sottoscrizione, sono state raccolte somme per riportare sul suolo natio le ceneri del generale Paoli e “costruire a Morosaglia, un monumento per riceverle”.

Il gesto commovente dell’imperatrice Eugenia di Francia

Per quanto legittimo sia, questo progetto di restituzione delle ceneri sarà rinviato più volte da gravi ostacoli finanziari. Una prima somma considerata insufficiente fu bloccata nel 1874, il caso verrà ripreso nel 1882, ma le risoluzioni prese dal Consiglio Generale non riuscirono. Sarà necessario attendere l’incontro del 22 settembre 1887 affinché una petizione guidata dal Signor Vincentelli, ex avvocato, riesca a sbloccare la situazione “adeguando il Consiglio e ciascuno dei suoi membri per non incorrere nella pesante responsabilità di trascurare di fare questo un tributo supremo a Paoli che ha reso la nostra cara Corsica una nazione … ”

L’operazione si avvia: si attiva il finanziamento del trasferimento di ceneri senza impegnare il finanziamento di un monumento, si ripristina l’oratorio facente parte della casa di Paoli alla Stretta di Morosaglia, il cui proprietario non è altro che il signor Franceschini-Pietri, pronipote di Paoli.

Nell’incontro del 18 aprile 1888, il canonico Saliceti portò al Consiglio per conto del sig. Franceschini-Pietri, l’impegno scritto della sua mano “di cedere al dipartimento, per l’uso che era stato proposto di realizzare non solo l’oratorio, ma l’intera casa di Paoli con i suoi annessi e il giardino adiacente. “

Londra, procediamo alle formalità grazie al cardinale Manning. Le pompe funebri britanniche rendono un punto d’onore facilitare il trasferimento, seguendo gli illustri resti a Calais, dove la bara e i marmi sono collocati in un carro speciale la cui commissione speciale detiene la chiave. “Ma di tutte queste testimonianze di ammirazione per il nostro eroe e di simpatia per la Corsica, nessuna toccò più profondamente i membri della Commissione, una semplice corona posta sulla bara da una mano pia e recante questa iscrizione: Al grande patriota corso, Eugenia. Il convoglio dei treni arriva a Marsiglia il 3 settembre.

“Siamo stati accolti, entrando nella stazione, da gioiose acclamazioni; erano corsi che vivevano a Marsiglia e nei dintorni; erano i delegati dei corsi che erano venuti da Tolone. Gridavano urrà; agitavano le bandiere; hanno messo le corone versando lacrime. ”

Una processione funebre si sta formando e avanza nelle strade sotto lo stendardo moresco. Le carrozze si allineano per lasciarlo passare. Nel porto, le navi sono decorate con bandiere. Il giorno seguente a Isola Rossa “l’intera città era in piedi: l’accoglienza era come la Commissione aveva indovinato, quando aveva scelto, sin dal primo momento, questo punto di sbarco”. Sulla strada per Morosaglia, i resti di Paoli dovevano fermarsi a Belgodere, paese di Buonfiglio Guelfucci, poi a Palasca dove riposano i discendenti del generale, prima di raggiungere Ponte Leccia.

Al calar della notte, la scorta di cavalieri e manifestanti raggiunge Morosaglia, dove centinaia di candele brillano alle finestre. “Mentre da un lato cantiamo canzoni funebri in tono lamentoso, dall’altro ascoltiamo cori di urla clamorose che, riecheggiando tra le rocce di San Petrone, portano la felice notizia ai numerosi villaggi. ”

L’illustre bara depositata nella chiesa del convento sarà osservata per tutta la notte. Il giorno successivo, sarà portato a distanza di sicurezza nel luogo di nascita “nel mezzo di un bellissimo disordine in cui contestiamo l’onore di condividere il glorioso fardello”. L’8 settembre, la benedizione del santuario viene celebrata celebrando una messa di ringraziamento. Il mandato che il Consiglio Generale aveva affidato alla Commissione Speciale è terminato, tutti si sono ritirati con la sensazione del dovere compiuto.

(1) Fonte: Translation de Londres à Morosaglia des cendres du général Paoli. Imprimerie Pompeani. 1889.

La St Pancras Old Church nel quartiere di Camden a Londra, nel cimitero di questa chiesa si trovavo le ceneri di Pasquale Paoli
La casa natale di Pasquale Paoli a Morosaglia
La tomba di Pasquale Paoli a Morosaglia

Fonte: Corse Matin