11 nuvembre 2018 : A Pace per i cent’anni di l’armistiziu

U sole calava quandu a ceremonia di u ricordu pigliava Bastia st’ondeci nuvembre 2018. Un simbulu, cent’anni dopu à a fine di a guerra 14/18. L’11 nuvembre 1918 à 11 ore è 11 ùn velu di notte si stendìa su quatr’anni di macellu. A guerra s’adurmintava incù i so 20 miglioni di morti. Stu velu tesu ghjera statu annunziatu da a trumbetta di u cessa focu. « A guerra ha cessatu oghje nanta tutti i fronti. Onore à i nostri grendi morti chi c’anu datu sta vittoria », dichjarava u Primu Ministru Frencese Georges Clemenceau à l’Assemblea Naziunale. A Francia lasciava nanta i campi di battaglie 1.700.000 di i so figlioli.

A u cuntrariu di l’altre cità frencese, st’11 nuvembre 2018, Bastia ha vulsutu adurmintassi incù u ricordu di i 11500 morti di a Corsica. Sullati in maiò parte di u 173. « I Zitelli » cume i chjamavanu. E zitelli ci n’era à a ceremonia nantà ‘ piazza San Niculà, purtati da i maestri di e so scole. Anu lettu testi di sullati, cantatu canzone, postu mazzuli di fiori incù e persunnalità. A memoria zitellina aradicheghja u ricordu.

A notte si stendìa nanta Bastia st’11 nuvembre 2018, a folla di i participenti civili è militari un ghjera più che ombre in giru à u munumentu di u ricordu carchu di fiori è di bandere. Una notte d’auturnu venuta prestu, schiarita da a fiacula pigliata nant’a tomba di u sullatu scunisciutu in Pariggi è purtata da giovani. Nanta un schermu maiò sfilavanu maghjine di sullati corsi, figure sparite oramai da un seculu ma rese eterne ind’ùn istante di vita. Vite spezzate da e bombe, tufunate da e balle, assufucate da i gas. Corpi cuperti di mignoculi indè « tranchées » colme d’acqua, mane siccate da u freddu à ùn più pudè tirà una fucilatata. I » zitelli » avianu lasciatu e so muntagne, i so castagnetti per loghi tosi è ghjiaciati. Eranu purtantu partiti intusiasti è patriotti, mughjentu « A Berlin, A Berlin »….ùn sapianu tandu…

A notte s’hè calata nant’a ceremonia st’11 nuvembre 2018 in Bastia. E campane avianu digià sunnatu sta mattina à 11 ore cume indè tutt’a Francia. Indè i Paesi di corsica ghje a Ciccona chi hà rimbumbatu da pieve in pieve lentada da i 550 campanili. A Ciccona sta lingua specifica che solu sanu parlà e campane corse. Si hè ciccunatu cume cent’anni fà per salutà a Pace.
In Bastia i zitelli di a scola Desanti cantanu a « Marseillaise « di fronte à u publicu è l’ufficiali, allora che i lumi di a piazza San Niculà si so accesi è che a fiacula di u sullatu scunisciutu ghje stata spenta.


Petru Luigi Alessandri

 

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

,