Intervista a Francine Massiani, una bellezza mediterranea

Giovane, bella, simpatica… Tutti i Corsi conoscono il viso dolce di Francine Massiani, artista di talento scoperta dal programma televisivo Nouvelle star (un talent show) nel 2006. Forte e sensibile allo stesso tempo, così come la sua isola dove si realizza artisticamente sin dall’infanzia. Nel 2010 esce il suo primo album “Donna fatta” e Francine partecipa a diversi progetti culturali e musicali. Il 26 settembre scorso usciva il suo nuovo album “Eterne stelle”, un omaggio commovente ai cantanti còrsi i Fratelli Vincenti.

Attraverso questa doppia intervista italiano-còrso, Francine ci fa entrare nel suo universo avvincente…

FrancineMassiani2015Come si definisce Lei? Cantante, attrice o conduttrice televisiva?

Diceraghju chì prima sò una canterina, è chì dopu ind’è u mo percorsu prufeziunale aghju avutu l’opportunità di pudè sprime altr’affari à u livelu artisticu ghjochendu a cumedia (teatru, ecc…) è dinò prisentendu prugrama per zitelli (“Una Canzunetta”) o dinù fà picculi sughjetti per France3 Corse Viastella, ma à u finale tuttu hè cumplementare ind’è u sensu chì un’arte cumpletta l’altru ! In tutti i casi u serve.

 

Lei si sente piuttosto còrsa, italiana, “Mezu Mezu” o semplicemente mediterranea?

Mi sentu propiu propiu mediterranea ! A mo mamma hè taliana, u mo babbu hè corsu, aghju sempre intesu parlà e duie lingue in casa, ùn possu fà scelte trà unu è l’altru, sò un mischju di tuttu què!

 

Cos’è che La collega alla Corsica? All’Italia?

Cum’eo vi dicia prima, a mo mamma hè siciliana è milanese, u mo babbu hè di Lama è di L’Isula-Rossa chì face parte di a Balagna. Diceraghju chì sò arradicata à a Corsica è à l’Italia per via di a famiglia!

 

Per quali motivi Lei ha partecipato al progetto Mezu Mezu?

M’hè piaciuta l’idea di a spartera trà Corsica è cuntinente! U fattu di tramandà a nostra cultura cù a canzona mi pare d’esse una bella manera di fà la ! Speremu chì qualchì artistu talianu appia un’ idea simule ! Eppo un inglese dinò eppo un spagnolu ! ecc…

 

È importante per Lei trasmettere e preservare la lingua còrsa? Una parola sulla trasmissione “Una Canzunetta” che Lei presenta su Via stella?

Iè, sicuru chì mi pare impurtante, una lingua ùn pò esse viva chè parlendu la chì osinnò si more. Cù “Una Canzunetta” simu veramente indè issa dinamica, l’amparera duverebbe cumencià da zitelli. Vene più faciule l’amparera in canzona! Jean-Jacques Torre u pruduttore, mi dà a pussibilità di sprime mi in i dui modi, trà canzona è lingua, fendu picculi esercizii cù fiure culurite ! Un incantu per i zitelli è per mè dinò !

 

Quali sono gli elementi che hanno fatto di Lei questa “donna orchestra”?

Diceraghju chì ghjè a passione, a brama di murzicà a vita. Passa in furia è vogliu fà tanti affari !

 

Perché ha reso un omaggio ai fratelli Vincenti nel Suo nuovo album “Eterne stelle” uscito il 26 settembre scorso?

Perchè chì i Fratelli Vincenti anu accumpagnatu a mo zitellina. Ci hè qualcosa di nostalgicu indè issa dimarchja… à tempu vecu sfilà mumenti di vita campata cù i miei. In casa si cantava i Fratelli Vincenti, dunque per mè era nurmale di fà lu quellu omagiu.

 

Quando ci sarà un album in italiano?

Perchè micca ? Mi piacerebbe assai ! Ci vole ch’eo ci pensi in seriu!

 

Dopo Francine Massiani la cantante, Francine Massiani l’attrice, una parola su Francine Massiani la donna?

Allora… ùn sò cosa dì… hè difficiule di parlà di sè stessa ! Diceraghju chì bramu d’esse una mamma… un bellu prugettu di vita innò ? Dicieraghju chì sò una passiunata, chì ùn sò fà l’affari à metà, à volte mi brusgiu, ma chì à tempu aghju bisognu d’issu focu per cresce !

 

Dei progetti per il 2016?

Iè, aghju cumenciatu à travaglià nantu à un prussimu discu di creazione, è dinò fà qualchì giri di cantu ! Eppo videremu ciò chì st’annu 2016 mi purterà ! Belle surprese spergu !

 

E ora, alcune domande bonus…

 

Il Suo miglior ricordo italiano? Còrso?

Unu di i più belli ricordi talianu : un sughjornu romanticu in Roma ! E spassighjate in u Trastevere. Issa cità hè un museu à celu apertu!

Un bellu ricordu corsu : E stonde passate in cucina cù a mo caccara, di vede la scucinà indè e so vechje pignatte è u muscu di i so piatti!

 

Se Lei fosse uno strumento musicale ?

Sarebbe una chitarra per u so calore !

 

Se Lei fosse una canzone italiana? Se Lei fosse una canzone còrsa?

Sarebbe “L’appuntamento” d’Ornella Vanoni

In Corsu: “Stà mi vicinu”

 

Se Lei fosse una regione italiana? E una regione còrsa?

A Tuscana! è per a Corsica A Balagna!

 

Panettone o fiadone?

I dui à tempu!!! O Madonna!

 

Chianti o Patrimonio?

Quì dinò ùn possu sceglie chì mi piacenu i dui!

 

Intervista a cura di Lucie GASPARI

Lucie Gaspari

Lucie Gaspari di San Fiurenzu in Corsica, prima di tutto isolana e libera, professoressa di musica, nel terzo anno di studi di lingua italiana all'Università di Corte, ma anche mamma di un bel ragazzo di 16 anni. Appassionata di musica tradizionale, di scrittura, di cultura, di natura, di fotografia, di gastronomia, ma soprattutto di tutto ciò che riguarda l'Italia.

Lucie Gaspari

A proposito di Lucie Gaspari

Lucie Gaspari di San Fiurenzu in Corsica, prima di tutto isolana e libera, professoressa di musica, nel terzo anno di studi di lingua italiana all'Università di Corte, ma anche mamma di un bel ragazzo di 16 anni. Appassionata di musica tradizionale, di scrittura, di cultura, di natura, di fotografia, di gastronomia, ma soprattutto di tutto ciò che riguarda l'Italia.

Vedi tutti gli articoli di Lucie Gaspari →