In Corsica la riapertura delle scuole dall’11 maggio preoccupa insegnanti e genitori

Anche se questo martedì il ministro dell’Istruzione Blanquer ha annunciato sulla Francia 2 che la riapertura delle scuole, annunciata dall’11 maggio da Emmanuel Macron, non sarà “dall’oggi al domani”, in Corsica la reazione dei sindacati e dell’associazione dei genitori (APC) non è favorevole alla ripresa delle lezioni.

I genitori degli studenti corsi sono preoccupati.

All’indomani del discorso di Emmanuel Macron e poche ore prima che il Ministro Blanquer chiarisse che le lezioni stavano riprendendo, Denis Luciani, presidente dell’Associu di i parenti corsi (APC) che rappresenta i genitori ha espresso riserve sull’annuncio della riapertura scuole progressive dall’11 maggio.

“Asili nido, scuole elementari, scuole mediee scuole superiori dovrebbero essere gli ultimi ad essere riaperti”. Per il rappresentante dell’APC le misure annunciate dal governo sono contraddittorie e vanno contro “l’imperativo della salute pubblica”. Per l’associazione dei genitori di studenti corsi, che richiede controlli di massa e dispositivi di protezione prima di riaprire le lezioni “non sono soddisfatte le condizioni necessarie per la riapertura delle scuole”. .

“Se l’11 maggio ci troviamo nella stessa situazione sanitaria di oggi, i genitori non correranno il rischio di mettere i bambini a scuola”, afferma Denis Luciani.

L’economia ha la precedenza sulla sanità

Fabien Mineo, co-segretario SNUIPP dell’Alta Corsica, principale sindacato di insegnamento della Corsica, è sorpreso dalla continua chiusura di bar e ristoranti mentre nella sua classe “32 bambini di 3 anni saranno a meno di una distanza di distanza “.

Per lui, gli 800 insegnanti in Alta Corsica saranno in prima linea per “fare da babysitter ai bambini in modo che i genitori vadano a lavorare”. Pertanto, il rappresentante sindacale denuncia “dilettantismo” da parte del governo che “pone l’economia davanti alla salute pubblica” e dichiara che “allo stato attuale delle cose, è fuori questione accogliere i bambini scuola “.

L’annuncio del ministro della Pubblica istruzione di “scolarizzazione non obbligatoria” lascia perplesso il rappresentante sindacale: “È ancora più vago della dichiarazione di Emmanuel Macron. Dobbiamo fermare questa mascherata!”.

Se la situazione sanitaria rimane così com’è, SNUIPP annuncia che “gli insegnanti eserciteranno il loro diritto di recesso”.
In caso di rifiuto da parte del loro superiore, allora “presenteranno una denuncia per aver messo in pericolo la vita degli altri”.

Una decisione pericolosa per la CGT Educ’action de Corse
“Annunciando ieri sera [11 maggio] la progressiva riapertura di scuole e istituti scolastici dall’11 maggio, il Presidente della Repubblica ha sollevato più domande e paure che pacifiche tra il personale della National Education, studenti , genitori, ma anche tra le autorità locali e le amministrazioni responsabili dell’attuazione di questa decisione “, commenta Charles Casabianca della CGT dell’Alta Corsica.
“Per vincere questa scommessa, il presidente Macron promette disposizioni speciali e organizzazioni spaziali nei luoghi di insegnamento in modo che i rischi di trasmissione siano limitati tra studenti e tra studenti e adulti”, continua.
L’azione di CGT Éduc è quindi molto scettica dopo gli annunci del presidente, che hanno anche sollevato le associazioni dei genitori. Il sindacato è particolarmente preoccupato per la capacità dello stato di fare tutto per garantire questa ripresa in ragionevoli condizioni sanitarie.
“Come possiamo immaginare che l’istruzione nazionale e le autorità locali saranno in grado di avere a disposizione entro un mese scorte sufficienti di dispositivi di protezione e test per equipaggiare le scuoe e garantire la salute di tutti anche quando i bisogni non sono garantiti o coperti in ospedali, case di cura o altre professioni che lavorano ancora oggi? “Sottolinea Charles Casabianca. “Come possiamo immaginare che i gruppi di insegnanti saranno in grado di allestire spazi di studio anche quando le lezioni sono già troppo piccole o sovraffollate?” Come possiamo immaginare che gli alunni dopo due mesi di parto saranno in grado di rispettare il più possibile le misure di allontanamento sociale? ”
Per CGT Éduc’action, questa decisione è quindi attualmente incomprensibile, mentre allo stesso tempo bar, ristoranti, cinema, ecc. Rimarranno chiusi. “Come possiamo vietare la loro apertura e allo stesso tempo permettere agli studenti di incontrarsi in modo massiccio quando vengono descritti come vettori potenzialmente asintomatici del virus, che hanno portato alla chiusura delle scuole? Come chiedere alle persone a rischio di rimanere confinate mentre mandano i loro figli a scuola?  Ha detto di nuovo il delegato sindacale. “Con la scusa dell’uguaglianza e con il desiderio di far tornare a scuola i bambini delle aree più svantaggiate, il Presidente della Repubblica desidera soprattutto e soprattutto rilanciare l’economia liberando i genitori dei loro figli in modo che “Tornano al lavoro come desiderano i datori di lavoro”.
La CGT Éduc’action, che condanna questa decisione, si aspetta che il ministro specifichi il ritorno graduale: quali regioni, quali classi, quale personale …? e anche che siano garantite le misure materiali per questa riapertura come protezioni o prove, ma anche i diritti dei dipendenti: congedi speciali di assenza, diritto di recesso, ecc.
“Il ministro sarà giudicato in base alla sua capacità di non mettere a rischio il personale e gli studenti. La CGT Éduc’action richiederà risposte prima di considerare una ripresa in condizioni di sicurezza sanitaria soddisfacenti, ad esempio su: test generalizzati di virus e immunità per alunni e adulti, numeri che rendono possibile mantenere ovunque di più un metro di distanza tra tutti in classe, nel cortile, trasporti, maschere rinnovate ogni 4 ore, sapone e gel, bagni puliti, obiettivi educativi del recupero. Se le risposte non vengono fornite, la CGT Éduc’action de Corse si opporrà a qualsiasi recupero prematuro e considereremo che il personale sarebbe giustificato nell’applicare il diritto di revoca [del contratto di lavoro]”conclude Charles Casabianca.

Invece il sindacato degli insegnanti Sindacatu di i Travagliadori Corsi (STC) Educazione ha inviato una lettera di protesta al rettorato dell’Accademia della Corsica contro la decisione del presidente Macron,

Fonte: Corse Net Infos