Il presidente del Senato ad Ajaccio per il 250° anniversario della nascita di Napoleone

Un 15 agosto molto speciale ha avuto luogo quest’anno ad Ajaccio, che celebra il 250 ° anniversario della nascita di Napoleone Bonaparte. La città imperiale ha ricevuto per questo giorno che onora anche Santa Maria, il presidente del Senato, Gérard Larcher.

Il sindaco di Ajaccio, Laurent Marcangeli e molti dei suoi  consiglieri comunali hanno ricevuto il 15 agosto il presidente del Senato, Gérard Larcher. L’opportunità di seguire i festeggiamenti con tutti gli ajaccini ma anche con molti turisti. Alla fine della tradizionale Messa, i due uomini si unirono al Municipio per accogliere funzionari e ospiti eletti. Il sindaco ha parlato nella Hall de la maison carrée prima di dare la parola al suo ospite d’onore.

“Come non essere orgogliosi di essere il primo magistrato della città che è il punto di partenza della storia napoleonica? Oggi, nel 250 ° anniversario della nascita di Napoleone, abbiamo il piacere e l’onore di avere la presenza di uno dei massimi rappresentanti dello Stato. Vedo lì la riconciliazione simbolica della memoria. Ritengo che la Repubblica sia forte quando riconosce tutta la sua storia. La Francia non deve vergognarsi della sua storia, non deve voltargli le spalle. Non deve pentirsi di aver vinto le guerre proprio come non deve vergognarsi di averle perse. La Francia è un tutto, una storia. La presenza oggi del Presidente del Senato per questo anniversario ha senso. Oggi celebriamo anche Santa Maria, una festa religiosa. Troviamo così ad Ajaccio, un pacifico secolarismo che consente questa felice convivenza tra il mondo spirituale e sacro e quello del laico e della storia.”

La visita di Gérard Larcher tende a dimostrare il riconoscimento dello Stato verso la culla dell’Imperatore che è la città di Ajaccio ma vuole anche essere un simbolo. Fu proprio Bonaparte a creare il Senato nel 1799 per garantire il rispetto della Costituzione.

“È nell’ufficio che occupo temporaneamente come democrazia, che è stata decisa il 18 Brumaio e la nascita del consolato, ha ricordato Gerard Larcher. Il primo presidente del Senato ha parlato dell’importanza della prossimità. Oggi questa vicinanza è più che mai essenziale tra i cittadini e i responsabili. È importante ricordare ciò che il Senato deve alla Repubblica, ma anche ciò che il Senato e la Repubblica devono a Napoleone Bonaparte. Nonostante le difficoltà che possiamo incontrare, siamo ancora figli e figlie della Corsica e figli e figlie della Francia.”

Gérard Larcher, presidente del Senato ad Ajaccio per il 250 ° anniversario della nascita di Napoleone
Alla fine del suo discorso, Gérard Larcher ha dato al sindaco di Ajaccio una riproduzione del proclama di Napoleone, re d’Italia, che ebbe luogo nell’attuale sala conferenze del Senato.
Il sindaco e i suoi ospiti si recarono quindi nel salone napoleonico della casa quadrata. Josiane Chevalier, prefetto regionale ha salutato la presenza di Gérard Larcher.

“È il secondo rappresentante dello stato. È un onore riceverlo per questo 250 ° anniversario. Napoleone ha portato molto in Francia, quindi l’arrivo del Presidente del Senato è molto importante. Quest’ultimo è molto legato alla difesa dei territori. Ho avuto il piacere di dargli il benvenuto anche in Prefettura. Questo ci ha dato l’opportunità di discutere della Corsica, che è la Collettività più decentralizzata in Francia e di ciò che questa regione si aspetta dal governo centrale “.

Degna di nota è anche la presenza del senatore della Corsica del Sud, Jean-Jacques Panunzi, che è stato molto contento della presenza del presidente che ha risposto favorevolmente a questo invito nonostante un fitto programma.

Fonte: Corse Net Infos