Il FLNC rivendica un attentato contro due ville abusive a Bonifacio

Il movimento clandestino nazionalista corso della FLNC “detto del 22 ottobre” ha rivendicato questo lunedì 23 dicembre un attentato dinamitardo con dellebombole di gas, commesso venerdì scorso, che ha danneggiato una villa dell’imprenditore Pierre Ferracci all’estremità meridionale di l’isola.

Questa è la prima azione violenta dichiarata da questo gruppo da quando ha annunciato che si stava impegnando in un “processo di smilitarizzazione” nel maggio 2016. “La pace che vogliamo e che promuoviamo dal 2016 non è la pace dei cimiteri delle popolazioni scomparse (…) Non abbiamo firmato un assegno in bianco per la Francia ”, ha scritto il gruppo in un comunicato stampa, indirizzato a France 3 ViaStella e Corse Matin, e che l’agenzia di stampa AFP ha consultato .

Nel documento di due pagine, il gruppo afferma di avere un “desiderio di placare” e aspirare alla “pace”, ma denuncia “l’estensione esponenziale della costruzione” di immobili sull’isola.

Una multa di un milione di euro, ma nessuna demolizione

L’attacco di venerdì 17, che non ha lasciato vittime, ha preso di mira due ville corse dell’imprenditore Pierre Ferracci, al centro di una disputa legale per averle costruite con una licenza edilizia contestata in tribunale in un sito protetto. Uno di questi è stato degradato. Un’indagine è stata avviata nel processo dall’accusa di Ajaccio e affidata alla sezione investigazioni della gendarmeria.

L’imprenditore, presidente del Paris Football Club e noto per essere vicino al presidente della Repubblica Emmanuel Macron, è stato condannato in appello, a luglio 2017, a una multa di un milione di euro per la costruzione di queste ville con un permesso contestato.

Tuttavia, la giustizia non ha ordinato la demolizione della piscina e delle due case, costruite su notevoli spazi naturali sulla spiaggia di Rondinara vicino a Bonifacio, con dispiacere delle associazioni ambientaliste, tra cui U Levante che aveva contestato la condanna della Corte di cassazione.

Quest’ultimo ha annullato la decisione della corte d’appello di Aix-en-Provence nel marzo 2019 e ha ordinato un nuovo processo. Diversi raduni avevano avuto luogo in Corsica tra la fine di luglio e l’inizio di agosto 2017 per chiedere la demolizione delle ville e la protezione totale del sito.

Ecco il comunicato del FLNC:

Fonte: HuffPost France

Andrea Meloni

Di origini sarde e calabresi ma genovese di nascita, laureato in scienze geografiche presso l'Università di Genova nel 2013 e socio della sezione Liguria dell'AIIG (associazione Italiana insegnanti di geografia), risiede nell'Appennino Ligure in val Borbera, una valle piemontese ma da sempre legata alla confinante Liguria e da agosto 2015 è redattore di Corsica Oggi. Collabora da marzo 2016 con la società cartografica geo4map di Novara, nata da una costola di DeAgostini e da giugno 2017 con il quotidiano genovese Il Secolo XIX. Adora viaggiare ed è innamorato della Corsica.

Avatar

A proposito di Andrea Meloni

Di origini sarde e calabresi ma genovese di nascita, laureato in scienze geografiche presso l'Università di Genova nel 2013 e socio della sezione Liguria dell'AIIG (associazione Italiana insegnanti di geografia), risiede nell'Appennino Ligure in val Borbera, una valle piemontese ma da sempre legata alla confinante Liguria e da agosto 2015 è redattore di Corsica Oggi. Collabora da marzo 2016 con la società cartografica geo4map di Novara, nata da una costola di DeAgostini e da giugno 2017 con il quotidiano genovese Il Secolo XIX. Adora viaggiare ed è innamorato della Corsica.

Vedi tutti gli articoli di Andrea Meloni →