Il collettivo contro l’inquinamento di Lucciana blocca l’aeroporto di Poretta

Venerdì mattina alle 7 il Collettivo contro l’Inquinamento e per il Miglioramento della Qualità della Vita di Lucciana assieme agli agricoltori della zona di Marana e Canonica ha bloccato l’accesso all’aeroporto di Bastia Poretta mettendo all’altezza della fabbrica di compost della Canonica sulla D 507 che collega l’aeroporto l’aeroporto con la RN 193 Bastia – Ajaccio, una parte dei manifestanti inoltre è arrivata fino all’ingresso dell’aeroporto “per far sentire anche a tutti gli odori che devono sopportare”.

I manifestanti chiedevano risposte dallo stato anche riguardo gli odori dell’impianto di compostaggio che hanno colpito soprattuto i quartieri di La Canoninca e della Marana. Inoltre chiedevano riposte riguardo anche il deposito di idrocarburi di proprietà dell’Électricité de France (EDF) situato nel comune di Lucciana in frazione Pineto (il deposito di idrocarburi tra l’altro era stato bloccato dai manifestanti nel marzo 2014 ndr) e hanno riferito di ritardi amministrativi. I residenti assieme agli agricoltori hanno sottolineato gli odori che infestano Lucciana sono preoccupazioni giuste e richiedono una migliore della qualità della vita oltre che meno inquinamento olfattivo nel paese della Costa orientale.

La manifestazione è terminata senza incidenti e nel pomeriggio una delegazione del Collettivo è stata ricevuta alla prefettura di Bastia, alla conclusione della riunione Alexandre Sanz, direttore del gabinetto del prefetto di Bastia ha rassicurato i manifestanti riguardo che almeno l’odore dell’impianto di compostaggio sarà eliminato nel giro di quattro mesi.

 

—————

Fonte: Corse Net Infos