À prestu, Corsica

21 Maggio 2019

Il traghetto in partenza da Bastia si allontana dal porto, io e i miei colleghi felici rientriamo in Italia dopo una splendida settimana alla scoperta della Corsica . Chi l’avrebbe detto che dopo un anno tutto sarebbe cambiato.

Maggio è un mese fantastico per visitare l’isola, temperature ancora non troppo alte, pochi turisti e poco traffico, una spettacolare macchia mediterranea che si mischia con l’azzurro del cielo e il blu del mare, un’ esplosione di profumi e di colori che rendono una vacanza in questo periodo, indimenticabile.

Ed è proprio maggio o anche prima che si iniziano a pianificare le ferie, questo per me che lavoro nel turismo è il momento di organizzare, consigliare e prenotare le vacanze degli italiani… ovviamente in Corsica!

21 Maggio 2020

Questa terribile e inaspettata pandemia ci ha sospesi, i soli 180 chilometri che separano Genova (dove vivo) da Capo Corso, sembrano molti di più.

La consuetudine di sentire per motivi di lavoro i miei corrispondenti Corsi, molti dei quali sono diventati amici, è di fatto sospesa.

Un legame storico, lontano quello che unisce i Genovesi ai Corsi, un filo conduttore che mi lega personalmente a quest’ isola da oltre 15 anni.

Ma nella speranza che tutto ritorni al più presto come un anno fa, al momento non posso fare altro che usare la mente, i ricordi e viaggiare in Corsica comodamente seduta sul mio divano ri immaginando luoghi, persone e momenti vissuti.

C’ è un paesino del nord, esattamente nella regione della Balagna che è uno dei miei posti preferiti: Algajola.

Un paesaggio della Balagna

Percorrendo la strada che da Isola Rossa porta a Calvi, passa inosservato, ma lo considero un vero gioiello. Un piccolo borgo fondato dai Genovesi nel 1450 con poche case dai portoni colorati, una lunga passeggiata panoramica che costeggia il mare, la lunga spiaggia di Aregno, la piazzetta centrale con al centro un castello trasformato in ristorante, la piccola stazione dove passa il famoso Trenighello, il trenino che porta i turisti alla scoperta delle innumerevoli splendide spiagge di questa regione. Qui si respira un’ atmosfera di pace e tranquillità.

Se ci spostiamo di pochi chilometri; nell’entroterra scopriamo una serie di piccoli borghi arroccati sulla montagna, famosi per l’artigianato locale, dove sembra che il tempo si sia fermato.

Pigna, piccolo borgo fiorito, famosa per il festival della musica e per i tradizionali canti polifonici Corsi, Sant’Antonino uno dei villaggi più antichi della Corsica, da qui si può godere un panorama a 360 gradi sul mare e la pianura.

Scendendo verso sud, esattamente nella regione del Valinco quante spiagge meravigliose, Portigliolo, Cupabia, Campo Moro con la sua torre Genovese, risalendo verso Sartene e riscendendo si arriva alla spiaggia di Tizzano (lasciando il golfo del Valinco), un piccolo paradiso fuori dal mondo.

Spiaggia di Campo Moro

Ma al di là delle innumerevoli spiagge caraibiche che la Corsica offre, ben 1000 km, un luogo da non perdere in questa regione è il sito preistorico di Filitosa, a nord di Propriano, qui sono stati ritrovati alcuni Menhir risalenti al 7000 A.c.

Una visita del sito, che si snoda attraverso un percorso guidato, tra suggestive statue Menhir, alberi secolari immensi spazi verdi, una location assolutamente bucolica e suggestiva.

Ma andiamo in montagna, d’altronde la Corsica viene chiamata “la montagna in mezzo al mare” e tramite una strada panoramica che parte da Solenzara, in pochi minuti ci si trova catapultati dal mare a un ambiente montano simile a quello delle Alpi italiane. Raggiungiamo il massiccio della Bavella 1218 mt. Slm, nel parco regionale, qui non sembra di essere in Corsica, boschi, laghi, e le guglie di Bavella che al tramonto assumono un colore rossastro e creano un ambiente surreale, unico, da non perdere.

La straordinarietà di questa meravigliosa isola è che al mattino puoi andare in spiaggia a prendere il sole e al pomeriggio puoi rinfrescarti sotto un albero in montagna, e nei mesi invernali è persino possibile sciare, nelle aree sciistice di Ghisoni e Val d’ Ese con circa 10 chilometri di piste… una sciata vista mare!

La Corsica propone un offerta turistica variegata, mare, cultura, divertimento e poi villaggi, sagre, festival, una terra sorprendente, capace di trasformarsi in un paradiso di pace lontano dalla folla, un insieme di tradizioni radicate nella sua popolazione, fiera e orgogliosa della propria cultura e identità.

Quindi cara “Isola della Bellezza”, come vieni giustamente chiamata, approfitta di questa pausa per rigenerarti, rinnovarti, per diventare ancora più bella e attraente, non solo per i turisti italiani, ma per i turisti di tutto il mondo, io dalla mia ce la metto tutta per farti conoscere.

À prestu, Corsica!

Fulvia Ottonello

Fulvia Ottonello

Grande appassionata di viaggi! Vive a Genova, da sempre lavora nel settore turistico, dove ha maturato diverse esperienze; dalla Hostess su navi da Crociera in America e Isole dei Caraibi a assistente turistica in Spagna a impiegata in agenzia di viaggio con mansione di vendita e programmazione. Oggi è responsabile di prodotto e contract manager per un Tour Operator genovese sulla destinazione Corsica, isola che conosce e ama da più di 15 anni e che considera la sua seconda casa.

Avatar

A proposito di Fulvia Ottonello

Grande appassionata di viaggi! Vive a Genova, da sempre lavora nel settore turistico, dove ha maturato diverse esperienze; dalla Hostess su navi da Crociera in America e Isole dei Caraibi a assistente turistica in Spagna a impiegata in agenzia di viaggio con mansione di vendita e programmazione. Oggi è responsabile di prodotto e contract manager per un Tour Operator genovese sulla destinazione Corsica, isola che conosce e ama da più di 15 anni e che considera la sua seconda casa.

Vedi tutti gli articoli di Fulvia Ottonello →