Monti di Mola: Fabrizio De André canta in gallurese

Vi proponiamo una canzone del grande cantautore genovese Fabrizio De André, intitolata “Monti di Mola” (1990).

Il testo è in dialetto gallurese (i Monti di Mola non sono altro che il nome originale della Costa Smeralda), e ci permette apprezzarne la stretta somiglianza con il còrso nella sua variante più meridionale.

La canzone racconta dell’improbabile amore tra un giovane uomo (un cioano vantaricciu e moru) e un’asina bianca (un’aina musteddina), incontratisi una mattina (la manzana). Venuto a sapere dell’amore dei due (…nudda si po fa, nudda, in Gaddura,
che no lu ènini a sapi int’un’ura.), il paese decide di organizzare il matrimonio (E lu paesi intreu s’agghindesi pa’ lu coju.) che non si potrà realizzare per un problema burocratico: i due risultano essere cugini di primo grado (Ma a cujuassi no riscisini l’aina e l’omu,

che da li documenti escisini fratili in primu).

Qui sotto trovate il testo completo della canzone e, più in basso, un video con la splendida interpretazione di De André.

In li Monti di Mola, la manzana,
un’aina musteddina era pascendi.
In li Monti di Mola, la manzana,
un cioano vantarricciu e moru era sfraschendi.

E l’occhj s’intuppesini cilchendi ea ea ea ea.
E l’ea sguttesi da li muccichili cù li bae ae ae.
E l’occhj la burricca aìa di lu mari.
E a iddu da li tivi escìa lu Maestrali.

E idda si tunchjà abbeddulata ‹ea ea ea ea›.
Iddu li rispundia linghitontu «ae ae ae ae».

«Oh bedda mea, l’aina luna.
La bedda mea, capitali di lana.
Oh bedda mea, janca fultuna.»

‹Oh beddu meu, l’occhj mi brusgi.
Lu beddu meu, carrasciali di basgi.
Oh beddu meu, lu core mi cusgi.›

Ammuri mannu, di prima olta.
L’aba si suggi tuttu lu meli di chista multa.
Ammuri steddu, di tutti l’ori.
Di petralana lu battaddolu di chistu cori.

Ma nudda si po fa, nudda, in Gaddura,
che no lu ènini a sapi int’un’ura.
E ’nfattu una vecchja infrascunata fea ea ea ea,
piagnendi e figghjulendi si dicia cù li bae ae ae:

‟Biata idda, uai che bedd’omu.
Biata idda, cioanu e moru.
Biata idda, sola mi moru.

Biata idda, jà ma l’ammentu.
Biata idda, iù d’una olta.
Biata idda, ezzaia tolta.”

Ammuri mannu, di prima olta.
L’aba si suggi tuttu lu meli di chista multa.
Ammuri steddu, di tutti l’ori.
Di petralana lu battaddolu di chistu cori.

E lu paesi intreu s’agghindesi pa’ lu coju.
Lu parracu mattessi intresi in lu soju.
Ma a cujuassi no riscisini l’aina e l’omu,
che da li documenti escisini fratili in primu.

E idda si tunchjà abbeddulata ‹ea ea ea ea›.
Iddu li rispundia linghitontu «ae ae ae ae».

Testo tradotto

Urelianu Colombani

Studente còrso di Storia, da alcuni anni vive e studia a Roma. E' uno degli autori della pagina Facebook "Pezzetti di Corsica in Italia" ed è entrato nella squadra di Corsica Oggi fin dagli inizi, diventando uno dei gestori del sito e dei suoi canali social.

Urelianu Colombani

A proposito di Urelianu Colombani

Studente còrso di Storia, da alcuni anni vive e studia a Roma. E' uno degli autori della pagina Facebook "Pezzetti di Corsica in Italia" ed è entrato nella squadra di Corsica Oggi fin dagli inizi, diventando uno dei gestori del sito e dei suoi canali social.

Vedi tutti gli articoli di Urelianu Colombani →