Ghjuvan’Paulu Poletti, l’anima della canzone corsa

poletti

 

Ghjuvan’Paulu Poletti è un famosissimo cantautore corso nato nel 1949 ad Aiacciu (in Corsica del Sud). E’ stato lui ad aver creato, con alcuni amici, il gruppo di musica più famoso della Corsica, Canta u Populu Corsu. Il primo scopo del gruppo era fissare le canzoni che gli anziani cantavano nei paesini per non perderle. Poi, nel gruppo, sono venute le composizioni personali e soprattutto quelle di Poletti. Per colpa di qualche discordo con i membri del gruppo, lo lascia per lanciarsi in una carriera da solista pur ritornando qualche volta nel gruppo. Nel 92, con un altro gruppo di Cantanti Corsi (Les nouvelles polyphonies Corses), sono scelti per fare la ceremonia d’apertura delle Olimpiadi d’Albertville ; ricevono anche nel 92 una “Victoire de la musique” nella categoria « meilleur album de musique traditionnelle ». Nel 94 il  Royal College di Londra, una celebre scuola di musica Inglese, lo fa membro d’onore, per la sua “Cantata Corsa”.

Dopo quest’epopea, fonda a Sartène le Choeur des Hommes, un gruppo di cantatori di chiesa.

Oggi è sempre nel Choeur des hommes di Sartène e si dedica a delle associazioni .

Incontro con un uomo di fede, di cuore e di passione.

 

Come Le è venuta la passione della musica ?

Mi hè venuta da zitellu, mi hè sempre piaciuta. Aghju principiatu à studià la cù i preti Franciscani. Cun elli aghju imparatu a musica classica. Dopu à u liceu in Bastia tuttu u mondu parlava u Corsu è u cantava ! Ci truvavamu sempre cu Vincent Orsini o André Martini. Ghjera l’epica di i « cabarets » induve noi eramu sempre. Aghju continuatu fendu qualchì stage in Italia versu vint’anni eppò aghju principiatu cusì nentru u mio primu gruppu :

I Machjaghjoli.

 

Come si è creato “Canta u Populu Corsu” ?

Si hè creatu u 17 di lugliu 1973 cun Minicale, Petru Guelfucci è Natale Luciani. Cantavamu sempre inseme è piacia à a ghjente. E’ ghjè a ghjente chì ci hà datu ‘ssu nome perchè dicianu «sò quelli chì cantanu u populu corsu ». Què l’aghju tenutu à mente è l’aghju impostu eo pè u nostru primu album chì si chjamava simpliciamente Canta u Populu Corsu è l’emu tenutu per nome di u gruppu.

 

Perché Lei ha lasciato “Canta” ?

Perchè mischjavanu troppu a pulitica cù a musica è ne parlavanu troppu. A musica ghjè a musica. À un mumentu datu aghju dettu sè vò vulete parlà di pulitica fate un partitu puliticu. Hè bè d’avè idee pulitiche, l’aghju sempr’avute ancu eiu è difese, ancu avà, ma à un mumentu datu tenia più di un sistema di l’Unione Sovietica chè di cantu corsu. Hè cusì chì sò pertutu. Ma ùn l’aghju micca lasciatu veramente perchè dopu sò rivenutu per l’album « Théatre de la Ville » dopu emu continuatu cu « Ci hè dinù ». Po quandu Natale hè statu arrestatu l’affare si sò piantate appena è sò ripertutu per fà musica classica chì ghjè a mo furmazione. Infine quandu Natale hè surtitu di prighjò emu ricuminciatu, emu fattu l’album Sintineddi. È ci simu avvisti chì certi si sò impatruniti u nome « Canta u populu corsu » …

 

…Appunto che cosa pensa del “Canta” di oggi e della musica corsa in generale ?

Ùn ci hè né u sonu né u spiritu di Canta chì n’aviamu messu in piazza. Ùn n’hè in nisun casu Canta. Volenu esse senza esse… Anu dettu « vulemu spulverà Canta » ma l’anu struppiatu. Aghju intesu l’ultimu dischettu di riprese, aghju ascultatu Compañero è Surella d’Irlanda ohimè …

Avà cù i vechji di Canta u nostru scopu emu hè fà un album. Emu da entre in studiò da quì à un mese o dui è l’album escerà nurmalamente di ghjungnu chì vene perchè ci simu avvisti quandu n’avemu giratu indè e fiere in Balagna in Aiacciu ancu i cuncerti in Bastia è in Aiacciu c’era un mondu scemu è ci era una dumanda di a ghjente. A ghjente ùn si sbaglia micca tra noi è u Canta d’oghje ….

Oghje l’erredi, i figlioli di Canta sarianu quelli di Voce Ventu. Sò elli chì amaistreghjanu u megliu u sonu di Canta.

 

Come si svolge  la sua avventura nel “Choeurs des Hommes de Sartène” ?

Ghjè un’avventura magnifica ! Per mè ghjè una musica più scelta. Facciu cert’affari ch’ùn averia micca pussutu fà cun Canta. Hè qualcosa di differente è hè megliu cusì ! Aghju fattu cumposizione musicale chì mi permettanu d’andà da pertuttu. Hè per via di què ch’aghju assai dumande per fà cumposte di musiche classiche. Aghju cumpostu assai messe, u stabat mater…. ma i medià corsi ùn ne parlanu tantu è ghjè peccatu.

 

Sappiamo che Canta u Populu Corsu è stato un gruppo molto impegnato nella politica al periodo del Riacquistu. Come La vede la politica di oggi ?

O ghjente ci vole à vede chì una generazione hè passata. Oghje simu ghjunti à u putere, micca integralmente chì emu solu una magiorità relativa è spergu chì per e prossime elezzione l’averemu totalmente. Spergu chì i corsi anderannu à vutà in massa per avè la.

Per mè va megliu chì per u centru avà emu tuttu ciò ch’ellu ci vole. Ma sò 50 anni chì a cultura hè stata abbandunata ma a cultura ghjè un puntellu maiò di una società. Avà ci vole à rifà tuttu.

 

Qual è la Sua opera più bella ?

Què po ùn vi possu dì ! S’avia à sceglie ci sarebbe u stabat mater, a messa sulenna, u requiem… Oghje diceria u requiem chì l’aghju fattu ultimamente ma quandu ci sera una nova opera sarà quella a più bella !

 

Qual è il Suo legame con l’Italia ?
Ghjè tutt’a mo furmazione ! Ci hè a scola di musica di Fiesole, Firenze, Siena… Ancu per noi l’Italia hè a nostra cultura, i Taliani sò più che cugini carnali. Ùn aghju mai avutu dificultà quandu sò andatu in Italia, mai, mai, mai ! Ghjè quallà ch’aghju imparatu à parlà u Talianu è avà da quì à 10 ghjorni aghju da turnà. Di tutte e manere ùn mi sò mai spiccatu da l’Italia !

 

La ringrazia per la sua disponibilità e la sua gentilezza !

Sò eo !

 

—-
Credito Photo Jean-Yves Schoen

Clément-Joseph Franceschi

Clément-Joseph Franceschi è studente al terzo anno d'Italiano all' Università di Corsica . Molto legato al suo paese, Ogliastru, è un appassionato della sua terra, della storia della sua isola e della sua natura.

Avatar

A proposito di Clément-Joseph Franceschi

Clément-Joseph Franceschi è studente al terzo anno d'Italiano all' Università di Corsica . Molto legato al suo paese, Ogliastru, è un appassionato della sua terra, della storia della sua isola e della sua natura.

Vedi tutti gli articoli di Clément-Joseph Franceschi →