Isola Rossa: la top 5 dei posti da vedere quest’estate

La Corsica, detta isola di bellezza, offre mille opportunità di trascorrere vacanze piacevoli, al mare o in montagna, in famiglia o con gli amici…

Sole, caldo acqua turchese e montagne verdi, la nostra isola è un piccolo pezzo di paradiso nel mar mediterraneo. A solo quattro ore di traghetto da Livorno, la Corsica può offrire molte attività ricche e variegate.

In questo articolo vi proponiamo di scoprire una piccola città chiamata Isola Rossa (L’Isula Rossa in Corso), che si trova nel Nord dell’isola. È considerata, dopo la città di Calvi, come la seconda agglomerazione della Balagna.

Un po’ di Storia

Isola Rossa fu fondata nel 1758 da Pasquale Paoli, seguendo i suoi piani, il che diede alla città il suo famoso soprannome di « città Paolina ». L’isula Rossa deve il suo nome in un primo tempo al colore ocra della roccia dell’isoletta che viene usata come porto. Si trova impostata proprio di fronte all’  « Isola della pietra », oggi collegata all’isola con una diga che va direttamente al porto di Isola Rossa.

L’Isola Rossa possiede il terzo più importante porto di commercio e turistico (dopo Bastia e Aiaccio).

La strada più semplice per recarsi a Isola Rossa sarebbe quella che parte da Ponte Leccia, che si trova a 40 km di distanza.

Per chi non ha la macchina, il più semplice è sempre di usare il treno (« La Micheline »), con la tratta Ponte Leccia – Calvi.

    1) Phare de la Pietra

    Il faro della Pietra si trova su un punto culminante dell’isola della Pietra, segnala l’entrata del porto di Isola Rossa. Fa parte del dispositivo di illuminazione dell’isola insieme ai fari di Bastia, Aiaccio, Madonetta e delle isole Lavezzi.

    2) Il mercato

    Costruito nel 1850, il mercato coperto di Isola Rossa è il posto più visitato della città Paolina.

    Con le sue 21 colonne, è un monumento classificato dove vengono venduti prodotti di ottima qualità, mercanti e produttori danno un’ atmosfera e una vita al posto molto particolare e piacevole.

    Il mercato coperto è un simbolo della città. Ogni mattina abitanti, ma anche viaggiatori o abitanti dei dintorni si ritrovano per fare la spesa ma anche per condividere con i produttori e i mercanti un momento privilegiato.

    3) Il litorale di Isola Rossa

    Perfetta per una passeggiata al sole, la camminata in riva al mare ci porta, se si parte verso la sinistra, al porto di Isola Rossa.

    4) A Sirenella di Isula Rossa

    Durante la passeggiata lungo il bordo mare potrete incontrare la famosa « Sirenella di Isula Rossa ». Inaccessibile, questa delicata creatura leggendaria si trova su una roccia di granito, ad appena qualche metro dal bordo mare. Questa sirena è una scultura di bronzo, di dimensione umana, ordinata dal comune all’artista Gabriel Diana. Questa scultura, serio concorrente della sua controparte « la sirena di Copenhagen », è uno dei simboli più importanti della città.

    5) Parco di Saleccia

    Il Parco di Saleccia si trova su un punto eccezionale del litorale. Presenta la fauna e la flora della macchia Corsa e mediterranea su 7 ettari di paesaggio, con una collezione eccezzionale di ulivi, oleandri, rosmarini, ecc…Il parco propone anche un piccolo negozio di prodotti locali, un ristorante con cucina locale e un area picnic con giochi per i bambini.

Dove pranzare?

Per una pausa pranzo, possiamo consigliarvi il fast food « A Mirenda », che propone un servizio rapido e conveniente.

Il sito di questo Fast Food: www.fastfood-mirenda.com/mirenda-fast-food/

 

 

Mélissa Silvestri Paba

Mélissa Silvestri Paba è una giovane studentessa bilingue di 20 anni che nel 2016 compie il suo terzo anno di laurea d'italiano. Nata a Bastia, è una persona timida ma curiosa, appassionata di libri, di cinema e di gastronomia.

Avatar

A proposito di Mélissa Silvestri Paba

Mélissa Silvestri Paba è una giovane studentessa bilingue di 20 anni che nel 2016 compie il suo terzo anno di laurea d'italiano. Nata a Bastia, è una persona timida ma curiosa, appassionata di libri, di cinema e di gastronomia.

Vedi tutti gli articoli di Mélissa Silvestri Paba →