Voce Ventu, il gruppo della Corsica di ieri e di oggi

Il loro ultimo album “Ci serà sempre un cantu” uscito nel dicembre 2016 è già un successo in Corsica. Voglio parlare del gruppo “Voce ventu”. Il gruppo si è formato nel 1995 con amici che erano nella famosa « Scola di cantu » di Natale Luciani ad Aiaccio. Questo gruppo che non aveva voglia di fare una carriera ha saputo creare il suo solco, pur non dimenticando il passato musicale della Corsica. Questo gruppo ha anche permesso di far viaggiare la musica Corsa al di là dei confini Corsi. Hanno instaurato un legame tra due isole lontane : la Corsica e il Giappone, attraverso le canzoni. Di questo incontro è anche nato il documentario “Quand les îles se rencontrent” di S. Lajus

Oggi incontriamo Fred Poggi, professore di Corso all’Università di Corti ma anche a capo del gruppo oggi mitico “Voce ventu”, che ha accettato di rispondere alle nostre domande in lingua Corsa !

 

Buongiorno Fred ! Oggi ci interessiamo al gruppo « Voce ventu » attraverso il suo percorso. Prima vorrei sapere qual è la sua formazione musicale ?

Ùn ne aghju micca, aghju imparatu a ghitara da per mè in casa. Sunava e canzone di Canta di i Chjami aghjalesi …Per u cantu sò andatu à a Scola di cantu di Natale Luciani da u 89 à u 95 ogni marcuri. Ma eo ciò chì m’hà fattu travaglià u più u soffiu (chì ghjè impurtantissimu) hè quandu mi sò fattu uperà di e corde vucale chì furzava troppu nant’à mio voce.

 

Quali sono i cantanti o gruppi che Le sono sempre piaciuti ?

Ùn sò micca di quelli chì ascoltanu assai musica ma in casa i parenti ascultavanu Canta,  Quilapayun face chì da zitellu aghju sempre intesu ‘ssi cantadori quì, dopu i chjami l’aghju scuperti più in lu tardi ma u più ch` ascultava Canta è un po i Muvrini. Ma a voce chì mi pigliava in pettu è chì mi tuccava assai era quella di u poveru Dumè Gallet ; m’eru fattu un scaninu di « Quandi a terra move » di u discu « Chjamu a puesia » è tuttu u scaninu era ‘ssa canzona quì è ùn ascultava quasi chè què è mi paria a canzona più bella di u mondu. Dopu quand’aghju scupertu i Chjami cù a voce di Maì Pesce, quella di Guelfucci è quella di JP Acquaviva di a Filetta, appena sciappata cum’ella hè mi tocca assai.

 

Come si è creato « Voce ventu » e perché questo nome ?

Voce ventu si è creatu in lu 95 cun l’amichi di a scola di Cantu di Natale cantavamu d’istatina in i paesi per facci dui soldi (à u principiu eramu 2 o 3) , cantavamu ancu in « le son des guitares » in aiacciu è di quì a ghjente ci vidianu è ci dumandavanu di fà l’animazione musicale in i paesi. Emu dettu ben intesu di sì ma per l’affissi ci anu dumandatu un nome. Aviamu pigliatu l’abitutine di scaldassi a voce cun a canzona « Voce ventu » di i Chjami è senza riflette emu datu ‘ssu nome . A tempu cantavamu cun u gruppu «  Esse » è « Cinqui sò » chì avianu creazione musicali. « Voce ventu » ùn era prima chè un gruppu d’animazione è filu filu ci simu detti ch’era tempu di fà e nostre creazione. U nostru primu scopu ùn era micca di fà dischi à fà « carriera »

 

Qual è la canzone più bella secondo Lei fra tutte quelle di « Voce ventu » ?

Difficiule à dì ma ci hè « a serva » chì ghjè magnifica. ‘Ssa canzona è Alanu di Meglio ch’hà m’avia mustrata quand’era studiente quì è m’avia detta di circà à accuncialla per  una « cena literaria » (c’era Fusina Thiers è ghjera un ripastu duve ognunu lighjia o cuntava qualcosa) a partesi da un testu di Pasquale Ottavi per rende omaggiu à u so travagliu è vulia fammila cantà a sta Cena . Aghju fattu u versu l’aghju cantata è po dopu l’aghju proposta à u gruppu « Esse » chì ùn l’avianu micca vulsuta; tandu à a creazione di « Voce ventu » l’aghju pruposta è l’emu fatta.

Dopu ci hè ancu a canzona « Rughju di vita »  nant’à u cummandante Massoud, « Kyrie » chì mi piace assai cun un sonu novu, « A morte di Vannina », « Da u sperà » … dopu ci sò e canzone à vene 😉

 

Ho intervistato G-P Poletti e mi ha detto che « sò quelli di ‘Voce Ventu’ l’ereti di Canta… » Che cose Le fa di aver questa eredità e quali sono le influenze del gruppo ?

Quandu u vecu a mi dice à spessu, sò chì ci hè una battaglia trà u vechju Canta, Canta 73, è u «novu» ma què sò affari ch’ùn ci riguardanu micca. Simu cresciuti in l’ambiu di canta. Quandu l’aghju scuperti avianu 10 anni ma era digià miticu a l’epica, era prufondu in a scrittura, in a musica è emu sempre cercatu di scrivici in st’ambiu quì, l’ambiu di una puesia, d’una meludia assestata, un’accunciamentu riflettutu, in un certu modu à pudemu rivendicà, emu vulstutu andà in ‘ssu sensu quì. Quandu Poletti vi dice un’affare cusì site obligati à esse tocchi, chì ellu ùn hè micca nunda chì hà fattu assai canzone di qualità, ghjè ellu cun Canta chì hà purtatu un’universu novu à a musica corsa.

Dopu l’influenza di u gruppu hè diversa, ci hè Canta ma ancu Chjami, a Filetta è Quinlapayun. Hè u nostru quadru.

 

Come si è ritrovato a comporre la colonna sonora del film « Les exilés » ?

Rinatu Frassati mi hà chjamatu perchè li mancava un attore pè u film, è eo ùn pudia micca chì partia in America cun a moglie. Mi sò dettu peccatu chì vulia partecipà à ‘ssu filmu quì. M’hà quantunque tenutu un picculu rolu accantu. Di ritornu d’America ci simu scuntrati in Balagna per parlà un po di u filmu, per fa cunniscenza. Dopu quandu emu principiatu à girà u filmu emu parlatu inseme è mi dice « tù chì fai e musiche pè ‘Voce Ventu’ trovami qualcosa chì quellu chì duvia falla ùn po più ! » L’aghju detta « senti ci avia riflettutu » è aghju fischjatu l’aria di « O Generale », un’aria ch’avia da parechj’anni, l’hè piaciutu, cun Tomei emu passatu a statina à accuncialla. Infine quandu l’aghju intesa aghju dettu a Frassati ch’ellu seria bè di mette un testu annantu pè a « colonna sonora ». Tandu aghju chjamatu à Alanu di Meglio chì ci hà adattatu a lettera di Napuliò à Paoli è ci hà scrittu « O Generale » !

 

Come la vede l’uscita di questo nuovo Album ?

Emu decisu di fà qualcosa pè  i vint’anni di u gruppu, ghjè u discu più maturu di « VoceVentu ». Face a sintesi di e nostre influenze, una dimarchja culturale è militente, cun un sguradu criticu nant’à a Corsica ma dinù nant’à u mondu ; emu una canzona nant’à i migranti, un’altra nant’à l’assasini chì ùn ci vole micca sempre cantà a lotta ma dinù i nostri guai ; ci hè un’umaghju à I Chjami, 2 canzone di Quinlapayun ch’avemu adattate, una canzona umaghju a Luciani : « Una manera d’esse un’omu », a tematica di a donna…

 

Cos’è la foto che si vede sul disco ?

A cuprendula hè manifesazione di l’affare Bastelica Fesch in Aiacciu duve si ritrovanu quelli di Canta, di i Chjami in u curteghju chì canta cullendu u corsu Napuliò.

Attraversu questa fotò emu vulsutu rende umaghju à u riacquistu.

 

Grazie mille per la Sua diponibilità e la Sua gentillezza e arrivederci !

Avvedeci !

 

Clément-Joseph Franceschi

Clément-Joseph Franceschi è studente al terzo anno d'Italiano all' Università di Corsica . Molto legato al suo paese, Ogliastru, è un appassionato della sua terra, della storia della sua isola e della sua natura.

Avatar

A proposito di Clément-Joseph Franceschi

Clément-Joseph Franceschi è studente al terzo anno d'Italiano all' Università di Corsica . Molto legato al suo paese, Ogliastru, è un appassionato della sua terra, della storia della sua isola e della sua natura.

Vedi tutti gli articoli di Clément-Joseph Franceschi →