Vino: la nuova etichettatura che divide i viticoltori corsi

A partire dall’8 dicembre 2023, entreranno in vigore nuove regole per l’etichettatura del vino. L’obiettivo è fornire ai consumatori una maggiore visibilità. Sebbene i contorni del testo non siano ancora chiari, esso sta già suscitando reazioni. Diamo un’occhiata.

L’opacità e la tecnocrazia sono spesso sottolineate..

Ma con questa nuova disposizione, la Commissione europea di Bruxelles ha trovato un’eco favorevole in Antoine Guelfucci, un viticoltore di Corten.

La volontà dell’istituzione è quella di dare maggiore leggibilità alla produzione vinicola.

Ciò comporterà, a partire dall’8 dicembre, l’obbligo di riportare sull’etichetta della bottiglia il valore nutrizionale e l’elenco degli ingredienti utilizzati nei vini.

Per il cliente, questo sarà una garanzia di pulizia del vino

Antoine Guelfucci

è un’opportunità perché darà al cliente un’indicazione di ciò che sta per bere“, afferma. Potremmo essere sorpresi perché mettiamo una quantità molto ridotta di solfiti nel nostro vino”

A capo di una piccola tenuta di 3 ettari, l’unica nella città universitaria della Corsica centrale, Antoine Guelfucci è un fervente difensore della produzione biologica. La sua produzione rimane relativamente bassa, aggirandosi intorno alle 10.000 bottiglie all’anno.

“Per il cliente sarà una garanzia di pulizia del vino. Questo aiuterà a giustificare la differenza di prezzo tra i vini, poiché la pulizia fa anche il prodotto. Per noi, anche se il nostro approccio è noto, non c’è alcun vincolo, è una garanzia per il cliente”, spiega.

Non sorprende, tuttavia, che questo punto di vista non sia condiviso da tutti i professionisti del vino.

Coloro che producono grandi quantità saranno i più colpiti.

Per noi è più un vincolo che un’opportunità, ma ci adegueremo”, afferma Pierre-Michel Tardy, direttore generale dell’Union des vignerons associés du Levant (UVAL).

Con sede a Borgo, questa cooperativa conta 40 viticoltori distribuiti sulla costa orientale della Corsica, per circa 900 ettari di vigneto. Ogni anno vengono vendute 2 milioni e mezzo di bottiglie.

D’ora in poi, oltre alla quantità di uva, dovranno essere indicati in etichetta anche gli additivi, i conservanti e altri regolatori di acidità… Tutto ciò che rappresenta più del 2% del prodotto finito dovrà essere menzionato. A volte nell’elenco degli ingredienti potrebbero comparire nomi barbari.

“Forse qualcuno scoprirà dei prodotti, ma non sono molti, vedrete… Un po’ di trasparenza non è un problema”, continua Pierre-Michel Tardy.

Alla domanda sull’immagine che talvolta circonda le cooperative riguardo all’aggiunta di prodotti in quantità, il direttore generale dell’UVAL non si sottrae alla domanda.

“Siamo più controllati dalle autorità rispetto alle piccole cantine private. Non usiamo prodotti che non dovrebbero essere usati. Dobbiamo mettere in conto i prodotti aggiunti al vino”, afferma senza esitazione.

Per includere queste nuove menzioni obbligatorie, vengono proposte due possibilità: o includere la dichiarazione nutrizionale nella retroetichetta, o utilizzare un QR-code senza la possibilità di farne un uso commerciale. In altre parole, un elemento in più da integrare in etichette già relativamente piene..

“È un altro obbligo… Limita la creatività “, sospira Marie Maestrali. La giovane donna è a capo di U Vinu Sacru, una società di comunicazione agricola con cui collaborano più di dieci viticoltori.

Ne avevamo sentito parlare, non sapevamo che fosse una cosa fatta

Marie Maestrali

“Ne abbiamo sentito parlare, ma non sapevamo che fosse una cosa fatta. Bisogna includere tutti gli obblighi legali. Quando li inserisci tutti, non rimane molto spazio…” aggiunge con frustrazione la donna, che è anche presidente delle Donne d’affari della Corsica. Teme che questo porti a una standardizzazione dei disegni delle etichette.

La giovane imprenditrice non nasconde che i viticoltori che lavorano al suo fianco sono in stato di confusione.

Sarà necessario pagare per ulteriori analisi del vino? Se è così, sarà un fattore in più da considerare nel costo di produzione di una bottiglia…”

Per far fronte a questo nuovo onere finanziario, i viticoltori isolani potranno contare sul sostegno del Groupement Intersyndical des AOC de Corse, più comunemente noto come GIAC.

“La nostra attività principale è quella di sostenere i professionisti per condividere i costi. Le analisi necessarie per stabilire la dichiarazione nutrizionale sono diverse da quelle effettuate oggi“, spiega Nathalie Olmeta-Pierrini, la sua direttrice. L’organismo riunisce tutti i viticoltori dell’isola.

I contorni di questa nuova disposizione, che entrerà in vigore tra nove mesi, non sono ancora stati precisati dalla Commissione europea. Ma l’istituzione ha già annunciato che sarà flessibile, poiché i viticoltori avranno due anni di tempo per adeguarsi.

c’è molto fermento intorno al problema dell’etichettatura del vino”, afferma Nathalie Olmeta-Pierrini. Non è ancora tutto ben definito, ma i viticoltori non sono preoccupati

Uno dei timori della professione riguardava le bottiglie etichettate prima di questa disposizione. Saranno esentate. Un sollievo, secondo alcuni.

Quanto all’impatto commerciale di questa nuova menzione? “Non abbastanza da sconvolgere la situazione in Corsica…”, prevede Nathalie Olmeta-Pierrini. In vino veritas.

Nuova etichettatura del vino©P. NANNINI – E. GIUGLIANO / FTV