Talamoni e Simeoni commemorano il 210° anniversario della morte di Pasquale Paoli

Per la seconda volta il 7 febbraio Gilles Simeoni e Jean-Guy Talamoni insieme alla maggioranza nazionalista hanno commemorato U Babbu di a Patria Pasquale Paoli morto a Londra il 5 febbraio 1807 dopo 11 di esilio dalla sua terra natale, i suoi resti mortali tornarono nel suo paese natale della Castagniccia, Morosaglia solo nel 1889 nel Palazzo della Collettività ad Ajaccio.

Paoli era un uomo con la mentalità moderna, concesse alla Corsica indipendente la prima costituzione di stampo illuminista nel 1755 che poi venne utilizzata come base per la Costituzione americana del 1787 e nel 1794 promulgò la costituzione del Regno di Corsica sotto protezione britannica, fondò la città di Isola Rossa nel 1758 e l’Università della Corsica a Corte nel 1765 dove la lingua d’insegnamento era l’italiano.

Inoltre nel 1755 la Corsica di Paoli fu anche il primo stato al mondo a concedere il suffragio  femminile, (seppure con molte limitazioni e in casi particolari).

Ecco il testamento di Pasquale Paoli del 23 novembre 1804:

…Lascio cinquante lire sterline annue per il mantenimento di un abile maestro, che nel paese di Morosaglia, luogo di mezzo della pieve del Rostino, insegni a ben leggere e scrivere l’italiano, secondo il più approvato stile normale, e l’aritmetica alli giovinetti di detta pieve, ed agli altri che vorranno profittare di tale stabilimento. …Avendo desiderato che fosse dal governo riaperta una scuola pubblica in Corte, luogo di mezzo per la maggior parte della popolazione dell’isola, lascio ducento lire sterline annue per il salario di quattro professori, il primo perché insegni la teologia naturale e i principj di evidenza naturale della divinita della religione cristiana; il secondo la etica e ii dritto delle genti; il terzo i principj della filosofia naturale, ed il quarto, gli elementi della matematica. E desidero che agli alunni l’insegnamento dovrà farsi in italiano, lingua materna de’ miei nazionali
…In caso poi che questa scuola in Corte non potesse aver luogo, fermo nel proposito di contribuire all’istruzione de’ miei nazionali, lascio ducento cinquante lire sterline annue per il mantenimento di cinque alunni in alcuna delle migliori università del continente italiano. Due dovranno essere scelti nel dipartimento del Golo, due in quello del Liamone…, il quinto sarà della pieve di Rostino.”

Per l’occasione Jean-Guy Talamoni ha fatto un discorso in lingua còrsa ecco un estratto,  a questo link la versione completa:

St’omagiu à Pasquale Paoli si presenta in circustanze particulare quist’annu : 210 anni fà, si n’andava u Babbu di a patria. Diventava – per ripiglià e so parolle – un « citadinu di u celu ». Ma diventavanu dinù, ellu è u so guvernu, un mitu chì i seculi ùn anu sgassatu. Dipoi un annu, i nostri cumpatriotti anu sceltu di cunfidà l’affari publichi à u primu guvernu corsu dipoi Pasquale Paoli. Què, dà à sta cumemurazione una dimensione nova.
Sicuramente, hà cambiatu assai a Corsica dipoi u XVIIIu seculu, è ùn si tratta micca quì di circà à vultà in daretu, chì a sucetà corsa di tandu ùn era megliu chè quella d’avà. Ùn credimu mancu à pena à u mitu di a dicadenza. Quessu, u mitu, hè vechju quant’è l’umanità, ma hè falsu è più chè falzu : à l’epica di Paoli digià, certi Corsi ripetianu dipoi seculi è seculi « Corsica ùn averai mai bè ». Ma à tempu, d’altri Corsi, impegnati in lu cunflittu contru à i Genuvesi, pensavanu elli chì a Corsica era prutetta da a pruvidenza è scrivianu à i so amichi : « Campate felici ! »
È noi simu in listessu spiritu. Simu di quelli chì volenu fà chì a stonda presente è quelle di dumane sianu sempre più belle è più felice. Per indettu, quandu no vidimu i nostri giovani, à l’università, ci dimu chì quelli di l’Università di Paoli ùn eranu sicuramente ne più struiti ne più astuti. Ma eranu i primi.Ma ci si vede sopra tuttu l’amore di Pasquale Paoli per a so terra, per a so nazione, è ci si trova un idea centrale chè no ripigliemu oghje à contu nostru : a vulintà di cunsacrà tutte e so forze à a Corsica, è di serve, senza stancià, u bè cumunu, u bè publicu, spressione chì rivene à ogni pagina. Micca un Diu, micca un santu : un omu. Solu un omu, ma un umone.
Oghje, ghjè incù assai emuzione chè no li rendimu umagiu”.
Dopo la cerimonia gli eletti nazionalisti hanno lasciato una corona di fiori sotto il busto presente all’interno del Palazzo della Collettività ed è stato cantato l’inno còrso, il Dio vi salvi regina.
,