Talamoni all’Assemblea: vogliamo un’altra Europa

Nel suo discorso d’apertura della seduta del 28 giugno dell’Assemblea di Corsica, il suo presidente Jean-Guy Talamoni ha parlato della sua idea di Europa e dell’importanza del Mediterraneo per il nostro continente.

Ecco un estratto di alcune parti del suo discorso, pronunciato in lingua corsa come d’abitudine:

[…] A creazione di l’Unione Aurupea hà permessu d’allegerisce e fruntiere è di sguassà e stimme di a guerra, vicinu à e generazione e più giovane. A custruzzione di a pace trà i Stati fù l’operata indiata dipoi u 1945. Oghje, hè acquista. Si tratta oramai d’intratene sta mimoria è di purtà un altru prugettu per u XXIu seculu. Si tratta d’andà al di là di a Pace Auropeana, senza rinigà u passatu nè sguassà e so identità. 

Marcati da a guerra, i dirigenti è i grandi coppii aurupei anu certe volte vulsutu andà troppu in furia. Tandu, i Stati anu fattu l’Auropa senza i populi, senza l’aurupei, senza rassicurà li nant’à ciò ch’ella pudia purtà à tutti. Ognitantu, i Stati anu fattu l’Auropa senza elli, uppunendu per mumenti, senza delicatezza è senza memoria, u rigore di i populi di u Nordu à a legerezza pratesa di quelli di u Sudu. Anu fattu l’Auropa, avendu un idea falsa nant’à l’intenzione di i populi di l’Este chì vulianu ritruvà a so supranità, segnu di libertà. Quessi ùn vulianu di un Auropa post-naziunale. I Stati anu sculpitu l’Auropa cù e so fruntiere, ma dinù, inventendu norme assurde, insulente, capite micca : direttiva cicculata, direttiva rubinetti di duscia, eccetera eccetera… Ognitantu, avemu avutu un soprapiù d’Auropa, induve ùn n’aviamu micca bisognu.   

[…]

​Vulemu un’altra Auropa. Vulemu un’Auropa di a cultura è di l’educazione ricca di e so radiche anziane. Vulemu un Auropa di i populi sulidarii è suprani, un Auropa chì rispetti a spressione demucratica è u principiu di sussidiarità per esse più vicinu à i 500 millioni di donne è d’omi chì a facenu campà.   

Un Auropa leader di pettu à i schjocchi demugrafichi, eculogichi è numerichi chè no campemu. 

Un Auropa di a cuuperazione chì assicureghja a securità di l’Aurupei di pettu à e minaccie terruriste è chì fussi capace à ridefinisce e so fruntiere senza circà l’inflazione permanente di u so territoriu. 

Durante u 20u seculu, a grande scumessa fù a pace trà a Francia è l’Allimagna. Oramai, a storia ci dumanda un altra scumessa. Ci tocca à custruisce l’Auropa di u Mediterraniu per via di rilazione nove cù i paesi di u Sudu. S’è riesce l’Auropa ghjè riesce u Mediterraniu, quale hè chì puderebbe pensà ch’ùn avemu micca, noi i Corsi, un rollu à ghjucà in una missione chì ci trapassa ? 

 

A Corsica deve piglià a so parte di respunsabilità. 
Hè ciò ch’avemu fattu cù a pruposta di succorsu versu un battellu in dificultà chì nimu ùn vulia accoglie in un portu. Ùn accittavamu micca chì a vita di i passageri fussi messa in periculu per via di a chjusura di i porti i più vicini, frà quali i nostri. 

In quantu à l’altra prublematica, quella di l’accolta di i migranti, a sola pusizione logica, umana è raziunale, forte attempu di « l’etica di cunvinzione » è di « l’etica di respunsabilità », hè quella detta da u Papa Francescu è chè no femu nostra : una scumpartera equitabile trà tutti i paesi aurupei. 

Potete leggere il discorso completo a questa pagina.