Si è svolto a Patrimonio il 28° festival delle Notti della Chitarra

Noa e Asaf Avidan
Era la prima del Martedì. Scoperto per la prima volta i Simple Minds 7 anni fa, Asaf Avidan ha riconquistato tutti durante lo spettacolo Notti della chitarra. E il minimo che possiamo dire è che il personaggio, nonostante il suo successo, è rimasto semplice e accessibile . La semplicità e la sincerità che, aggiunto al suo talento gli ha permesso far perdere a testa nuovamente al pubblico del Patrimonio. Coninvolgente anche il giorno successivo durante una visita a Bastia quando è venuto a vedere il film Dunkirk“. Prima di lui, nella prima parte, Noah ha dimostrato di non aver perso nessuna delle sue qualità che tono di voce così speciale.
Un bellissimo poster per aprire la 28 ° Notti della Chitarra.

Mariama Trio & Lamomali
Il giorno dopo Mariama letteralmente stregato e, soprattutto, cullata (senza sonno!) Il pubblico con le sue superbe melodie. Questa giovane scoperta, che è stato in grado di mescolare nelle sue influenze musicali di jazz, groove e reggae, ha preparato, come dovrebbe essere, il pubblico. E poi via tutto nel suo percorso, anche i più recalcitranti. Alla domanda all’uscita del concerto, un testimone dice: “Non apprezzo i grandi concerti, sono venuto, trascinando la mia ragazza. Alla fine, questo è uno dei migliori concerti che ho visto negli ultimi 5 anni. Che energia! Che atmosfera. “Un tour de force è riuscito anche come il cantante del progetto mancava. Ma molti prestigiosi ospiti presenti come Oxmo Puccino o Thomas Dutronc.

Notte Gypsy
Virtuoso! Questa è la parola che appare più spesso, quando ha chiesto al pubblico di questa sera ancora a parte nella settimana del Festival conoscendo l’attaccamento Jean-Bernard Gilormini porta a questo stile musicale. Ed è Matthieu Chedid tratta i migliori complimenti per partecipare al concerto: ” Vederli giocare, mi sento di iniziare con la chitarra. “Ha detto basta.Sono arrivati fan affezzionati e alle prime armi che non mi hanno annoiato!”.

Joanne Shaw Taylor & Rival Sons
Il grande suono era fuori Venerdì sera con le Notti della chitarra e gli appassionati a visitare. Joanne Shaw Taylor, a soli 30 anni, già rispettato dai suoi colleghi, ha fatto lo show sul palco del Patrimonio. Senza fronzoli, il buon vecchio famiglie blues rock. L’ideale quindi ospitare uno dei più grandi gruppi della scena rock mondiale, Rival Sons. E se sono di nuovo soli due anni prima della loro prima apparizione al Festival è perché il pubblico che ha scoperto di loro, quella sera, aveva più volte chiesto da allora.

La qualità è l’insieme di tutto, non ci sono dubbi. E i primi quattro eventi hanno ampiamente dimostrato. Il tempo è buono, perché qualche goccia di pioggia su Passo del Teghime e la nebbia non sono nemmeno arrivati venerdì sera al Theatre de Verdures.

L’organizzazione è ancora tutto per soddisfare il pubblico, professionisti e soprattutto artisti. Eppure, parlare con Sylvie Durand, stampa del Festival, ci sentiamo una piccola delusione all’alba. ” Ovviamente, si è pensato di rendere più voci. Non per la notte Gypsy, che, come sappiamo, mai pieno, ma Asaf o Maraima Trio, è stato previsto in entrambi i casi un paio di persone. E mentre i primi biglietti per Renaud tirato fuori poche ore dopo l’annuncio della sua venuta, ci sentiamo un rallentamento a 3 giorni del concerto. “Un altro esempio i Rival Sons che riempie gli stadi negli Stati Uniti e in tutto il mondo hanno suonato davanti a una folla minore rispetto al loro tour precedente nell’isola”.

Poi arriva il tempo per le domande. Il che richiede troppo tempo Festival? Non secondo Jean-Bernard Gilormini, il suo direttore. Con meno sere all’interno pluralità e fornitura ridotta sapendo che i costi fissi (installazione stadio ma anche tutta la comunicazione) sono praticamente identici.
Le ragioni economiche? ” Sicuramente “, abbiamo risposto Sylvie. Anche se il Festival si sforza di offrire le sue serate a prezzi interessanti, è ancora una via d’uscita alla grande budget per una famiglia, per esempio, per venire a Patrimonio.
Il contesto generale? Sicuramente un po ‘troppo. Sia a Bastia e Saint Florent, riteniamo che questo anno è diminuita attività nella regione. Ci sarà tempo per fare il punto alla fine della stagione, ma dopo un paio di ristoratori contattati “sembra che ci fossero più persone nel mese di giugno! Il mese di luglio è sufficientemente bassa per ora. 

La proliferazione di eventi? ” Questo è , spiega Sylvie, la ragione principale. Credo. Ci sono ancora un paio di anni in questo periodo estivo, l’offerta non era così importante. ” Oggi, le Notti della Chitarra affrontare nuove eventi come mi! che si svolge nell’arco di 2 giorni a Ajaccio, dove sono quasi 10.000 persone”. Tutta l’organizzazione converge per il successo. Con, in pubblico, persone che potrebbero hanno scelto di venire nel Nebbio per una serata o due e, quindi, rimanere nel sud. In ogni caso, questo non è il programma che viene messo in discussione. Dopo cinque notti che tutti sono d’accordo che erano tutte magnifiche serate.

 

Articolo di: Laurent Hérin