Settimana di protesta per gli agricoltori della Corsica

Joseph Colombani, presidente della Camera dell’agricoltura dell’Alta Corsica, si è presentato come previsto mercoledì mattina intorno alle 9 presso il tribunale di Bastia, dove decine diagricoltori lo stavano aspettando. Tra questi Jean-Guy Talamoni, che lo avrebbe accompagnato nel tribunale, dove era stato istituito un dispositivo di sicurezza, e Lionel Mortini, presidente dell’ufficio agricolo della Corsica. Dopo aver parlato per più di tre minuti agli agricoltori che sono venuti a sostenerlo, Joseph Colombani, ha assunto la guida della procura di Bastia. Ma sarebbe uscito pochi minuti dopo in un’auto senza contrassegni ed essere portato alla stazione di polizia centrale di Bastia per essere ascoltato a seguito dell’azione che aveva condotto lunedì mattina nei locali della Direction départementale des Territoires et de la Mer (DDTM) dell’Alta Corsica. Un importante dispositivo di sicurezza è stato installato anche vicino alla stazione di polizia, dove era difficile avvicinarsi. Ma tutti i suoi sostenitori si sono uniti a lui sul posto.

Infatti lunedì Joseph Colombani è entrato nei locali del DDTM dell’Alta Corsica di Bastia. Mobili e apparecchiature informatiche sono stati danneggiati. Una denuncia è stata presentata dal direttore del DDTM e dal prefetto. Lo stesso giorno gli agricoltori hanno messo un blocco stradale a Casamozza. Lunedì sera, durante un incontro con il prefetto dell’Alta Corsica, gli agricoltori hanno chiesto a Bruxelles il pagamento immediato degli ultimi sussidi e l’organizzazione di una tavola rotonda tra lo Stato, la Collettività della Corsica e i sindacati per rivedere il metodo di controllo delle aree di pascolo che non sono più prese in considerazione per il calcolo dei sussidi.

Gli agricoltori all’esterno del commissariato di Bastia in sostegno a Joseph Colombani

Giovedì gli agricoltori della Fédération nationale des syndicats d’exploitants agricoles (FNSEA) e i Jeunes agricolteurs della Corsica del sud a Figari, Sagone e Ajaccio, dove questa mattina sono state messi blocchi stradali.
Gli agricoltori della Corsica del Sud denunciano i controlli della politica agricola comune (PAC) dell’Unione europea giudicati abusivi che hanno portato all’abolizione o alla riduzione dei sussidi europei.


Il mondo agricolo ha quindi organizzato questo 24 ottobre un altro giorno di mobilitazione nel sud dell’isola in risposta a controlli su superfici agricole considerate troppo importanti, le cui conseguenze sono note per essere catastrofiche per diverse aziende agricole corse.
Questo giovedì gli agricoltori hanno messo dighe blocchi stradali a Sagone, Porto Vecchio, Propriano, Sartena e Ajaccio. C’è stato anche un incontro tra Joseph Colombani e il Consiglio esecutivo, che dovrebbe preparare l’incontro tripartito martedì prossimo presso il Ministero dell’Agricoltura tra rappresentanti del mondo agricolo, dello Stato e del Consiglio esecutivo della Corsica.

Gli eletti e gli agricoltori corsi insieme a Parigi

È con la stessa voce che funzionari eletti dell’Assemblea della Corsica e i sindacati parleranno martedì a Parigi al Ministero dell’Agricoltura. Oggi a margine della sessione in assemblea, il presidente della camera dell’agricoltura dell’Alta Corsica ha esposto i problemi ai funzionari eletti, secondo lui l’attuale governo non ha applicato le decisioni prese in precedenza sotto il ministro di Agricoltura Stéphane Le Foll.

Dal 1 ° gennaio 2018 la Francia non riconosce più le aree improduttive come sono state definite: Joseph Colombani, rimane un ultimo tabù presente, i sospetti di frode in agricoltura.
Il presidente dell’esecutivo Gilles Simeoni specifica: “Ho sentito che gli eccessi indifendibili non intendono riprodurli o avallarli, se siamo d’accordo dobbiamo trovare un modo per dirlo in modo da dare credibilità al processo”

La discussione è proseguita all’interno dell’emiciclo, con l’applauso degli agricoltori presenti.