Scumparsa di u decanu di a stampa corsa: Amatu Pietri

Si chjamava Aimé di cugnome e Pietri di nome ghje sparitu in fine di settimana scorsa à l’età di 91 annu. Giurnalistu da sempre, Amatu ùn ghjera omu à stà fermu nanta una pultrona, fussi quella di una redazzione. E , in ottobre di u 1979 avia avutu l’edea, anzi u curaggiu, di lampà una sfida à u monopoliu audiovisiu detenutu da u serviziu publicu e d’altre radiu private naziunale . Dui anni prima di a legge di Mitterand chi liberava l’onde, Amatu Pietri offrìa à a corsica à so radiu, RCI (Radio Corsica Internaziunale). Ne pagò d’altronde u prezzu forte per una bomba messa in casa soia carrughju campinchi in Bastia e un’altra nanta u monte Capana in l’isula d’Elba induve era posta l’antenna di diffusione. Bombe, opera si po pensà, di squadre barbuze chi fiurianu à st’epuca.. Ma prima, u giurnalistu di talentu e d’idee nove che lu era, avia creatu un settimanale ,« Kyrn », chi dava di a corsica un’altra analisi che quelle, spessu sbagliate, di a stampa parigina in particulare. Omu di scrittu, di radiu, di televisiò, cullaburatore di parechji giurnali naziunali e strangeri durente quasi 60 anni, Amatu Pietri ha testimugnatu di a storia oghjinca di a corsica, di à so attualità, di i so suspiri e di è so gioie. Un c’era un’evenimentu senza ellu, e si po dì che durente anni e anni ghje statu u giurnalistu u megliu infurmatu di corsica per a richezza di i so canali.

Prima di esse giurnalistu Amatu Pietri ghjera statu prufessore di Talianu à u liceu di Bastia, ma ghjera stuzzicatu da u giurnalismu e fubbe prestu un cullaburatore impurtente di u « Petit bastiais » unu di i più maiò giurnali lucali. E pocu à pocu si fece una piazza indè u mondu giurnalisticu isulanu diventendu cusi incù l’anni u giurnalistu u più in vista. E in fine u decanu di a stampa corsa. Giovani giurnalisti, simu stati parechji a firmà indè «  Kyrn » à i nostri principii, o à facci sente nanta RCI. A porta di Aimé ghjera sempre aperta e quande lu si ghjunghjìa incù una nuvella, un’aspetava tantu per apre u so microfonu. Un pudìa vive senza scrive e cusi chell’avia cuntribuitu à fà rinasce u più vechju giurnale di Francia, le «  Journal de la Corse. » E ghje quì che l’ha scrittu sin’à fine. Mesi fà quande lu decide di pone a penna, Amatu s’hè spentu pianu pianu, cume sè à so anima s’era sbrancata di u soffiu chi facìa à so vita. Amatu Pietri riposa oramai sotta i castagni di u so paese, Giocatoggio, induve l’era statu merre durente più di 20 anni. So sicuru che à u paradisu di i giurnalisti aiuta San Petru à fà a cronaca celeste.


Petru Luigi Alessandri

Copertina: foto Christian Buffa

About Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

View all posts by Petru Luigi Alessandri →