Sciopero a Radio France: France Bleu RCFM segue il movimento nazionale

Niente notiziari e parte dei programmi: le trasmissioni di Radio Corse Frequenza Mora dovrebbe essere interrotte per diversi giorni, questo a causa dello sciopero indetto dai quattro sindacati di Radio France (CGT, CFDT, SNJ e SUD) a partire dalla giornata di ieri.

I dipendenti protestano contro il piano di 299 licenziamenti presentato la scorsa settimana dal presidente del gruppo, Sibyle Veil. Obiettivo del piano: limitare l’impatto della massa salariale sul bilancio del servizio pubblico radiofonico. Lo Stato ha annunciato una riduzione della sua partecipazione al finanziamento delle sette radio nazionali e delle 44 antenne locali pari a 20 milioni di euro.

È un attacco alla radio pubblica“, afferma Jean-Pierre Acquaviva, portavoce CFDT-SNJ-SUD. “Non si può lavorare correttamente con continue riduzioni di bilancio e di personale.”

In totale, RCFM impiega 48 operatori– tra cui giornalisti, direttori o anche tecnici – nelle sue due sedi, ad Ajaccio e a Bastia.

Il gruppo non sa per il momento quanti posti di lavoro potrebbero essere minacciati, ma tutta la struttura della radio potrebbe soffrirne, afferma Jean-Pierre Acquaviva. “Oggi abbiamo solo un manager a tempo pieno e un part-time. Se uno dei due posti viene eliminato, come facciamo?”

Il movimento dovrebbe continuare nei prossimi giorni. Perché se il preavviso di sciopero del sindacato UNSA è effettivo solo oggi, quello della SNJ-CFDT continua fino a Venerdì, quando la CGT chiama a uno sciopero a tempo indeterminato.

“Bisogna che gli ascoltatori capiscano che non è contro di loro, ma per loro – ricorda Jean-Pierre Acquaviva. Non facciamo sciopero per piacere, ma per difendere i nostri posti di lavoro, e lo strumento di informazione e di difesa della cultura e della lingua che è la nostra radio.”

 

Fonte: France 3 Via Stella