Sardegna bloccata dalla protesta dei pastori: latte pagato metà che in Corsica

Strade bloccate, litri di latte buttato per terra o dato da bere ai maiali, Sardegna paralizzata e una minaccia e minaccia il resto d’Italia. Sono in corso da giorni le proteste dei pastori sardi contro i prezzi del latte. Le immagini dei bidoni di latte rovesciate in piazze e strade stanno facendo il giro del mondo e hanno attirato l’attenzione della politica. Ad una decina di giorni delle elezioni regionali, la Sardegna si infiamma. La protesta dei pastori sardi sul prezzo del latte è cominciata alcuni mesi fa, ma solo adesso che le tensioni hanno superato il livello di guardia, la questione è riuscita a conquistare la ribalta nazionale. Per cercare di ottenere maggiore attenzione, i pastori hanno addirittura bloccato l’accesso al centro d’allenamento del Cagliari calcio, ottenendo l’appoggio dei giocatori che domenica 10 febbraio sono scesi in campo con una maglia con su scritto “Sosteniamo i pastori Sardi”. La protesta si è estesa alle scuole e alle imprese commerciali, gli studenti della maggior parte delle scuole superiori dell’isola nella giornata odierna hanno deciso di protestare in loro appoggio, non presentandosi in aula e creando davanti alle scuole un piccolo corteo di protesta, tra il quale campeggiavano numerosi cartelloni riportanti diciture di solidarietà nei confronti degli allevatori sardi.

La bomba del latte sversato non è stata disinnescata dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Anzi. Il capo del governo ha soltanto provato a raffreddare gli animi con l’avvio, il prossimo 21 febbraio, di un tavolo di filiera al quale prenderanno parte per la prima volta anche i pastori della Sardegna. Nel frattempo, il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini ha convocato un nuovo tavolo per giovedì 14 febbraio alle ore 15, cui parteciperanno associazioni di categoria e produttori. Il vicepremier ha promesso un pacchetto di iniziative, volto “anche a rasserenare il clima sull’isola”, che comprende sussidi per i pastori sardi per compensare le perdite economiche e la sospensione del piano di produzione sostenuto dal Consorzio di tutela del Pecorino Romano DOP.

Un’isola intera si è schierata con i pastori sardi, alle prese con manifestazioni in cui denunciano la riduzione del prezzo del latte di pecora, pagato 60 centesimi al litro (la metà del prezzo pagato in Corsica agli allevatori locali, 1,20€). Si tratta del 30% in meno rispetto a sei mesi fa, quando il listino segnava 85 centesimi. È giusto indignarsi, anche perché quando andiamo al supermercato a comprare il Pecorino Romano DOP oppure il Pecorino Sardo DOP o il Fior Fiore Sardo, i prezzi oscillano da 14 ai 16 €/kg e i listini non sono certo scesi. La questione purtroppo è complicata e anche la soluzione è tutt’altro che semplice. Per capire come stanno le cose, bisogna fare un passo indietro e vedere cosa succede nelle 35 cooperative che gestiscono i caseifici e nelle aziende private dove il latte di pecora viene trasformato in formaggio DOP. Per fare un chilo di pecorino servono sei litri di latte di pecora, che nei momenti migliori veniva pagato ai pastori anche 1 €/l. L’anno scorso però il prezzo è sceso a 85 centesimi e adesso si è arrivati a 60, facendo scattare la protesta in tutta l’isola. Se nell’estate scorsa la materia prima per un chilo di formaggio DOP veniva a costare 5 €, adesso siamo scesi a 3,6. A questo importo bisogna aggiungere 1 €/kg per le spese di lavorazione e stagionatura. Alla fine, il formaggio che veniva acquistato a 6 €/kg oggi cosa 4,6. Un disastro per i pastori e per l’economia dell’isola dove, è bene ricordarlo, si producono 500 mila quintali l’anno di formaggio pecorino (anche non DOP) e ci sono 15 mila aziende agricole che allevano circa tre milioni di pecore.

La crisi ha preso il via l’anno scorso, a causa di una sovrapproduzione di latte del 30% circa, che ha portato a un incremento notevole della quantità di formaggio Pecorino DOP. Questo eccesso si è scontrato con un calo delle esportazioni negli Usa, che assorbono una grossa fetta della produzione. In questa situazione gli americani hanno giocato al ribasso con offerte di acquisto a prezzi stracciati e ci sono produttori che per motivi di cassa hanno accettato di vendere il formaggio sottocosto, incrementando così la spirale verso il basso del prezzo e la discesa dei listini del latte di pecora. La sovrapproduzione di pecorino è un motivo della crisi causato dai caseifici, che hanno preferito inondare il mercato di formaggio e pagare multe irrisorie pari a 0,016 centesimi al chilo. In fine il mercato è crollato per eccesso di offerta. In questi casi si cerca di redistribuire la riduzione dei prezzi all’interno della filiera (confezionatori, distributori, catene di supermercati…), salvaguardando il sistema in attesa di tempi migliori.

Per il pecorino sardo il sistema è però saltato, e gli unici ad essere penalizzati sono stati i pastori che hanno visto ribassare il prezzo del latte a livelli insostenibili. Forse il carico dovrebbe pesare anche sulla filiera dove ci sono più margini di manovra. Stiamo parlando infatti di 9-10 €/kg, ovvero della differenza a tra il prezzo pagato al caseificio e quello di vendita nei supermercati. Ma adesso cosa si può fare per superare la crisi? A brevissimo termine il ministero delle Politiche agricole deve intervenire rilevando almeno 30-40 mila quintali di formaggio da destinare a collettività di indigenti e onlus, con una spesa di 30-40 milioni di euro. L’altra cosa da fare è ristabilire le quote di produzione dell’anno scorso, fissando una penalità di 1 € per ogni chilo di formaggio prodotto in eccedenza, per scoraggiare i caseifici troppo furbi. Un’altra operazione necessaria consiste nel rivalutare il ruolo del Pecorino DOP, attraverso una promozione del prodotto basata sulla valorizzazione di tutti i formaggi DOP della Sardegna. Diventa fondamentale quindi stipulare un accordo fra i pastori e i caseifici (privati o di cooperative) che lo trasformano in pecorino sul prezzo minimo del latte. Occorre soprattutto creare una struttura unica tra le 35 cooperative dei caseifici in grado di fissare un prezzo al chilo minimo per il Pecorino Romano DOP, il Pecorino Sardo DOP e il Fior Fiore Sardo DOP di circa 7 €/kg, al di sotto del quale nessuno può vendere. Solo così si può garantire i pastori e salvaguardare l’economia dell’isola.

Donato Mulargia

Classe 1998, sardo, studente di Scienze internazionali e diplomatiche presso l'Università degli Studi di Genova. Appassionato di politica internazionale e storia contemporanea. Tante passioni, ma un unico grande amore: il giornalismo. Innamorato della sua Sardegna e della vicina Corsica.

Avatar

A proposito di Donato Mulargia

Classe 1998, sardo, studente di Scienze internazionali e diplomatiche presso l'Università degli Studi di Genova. Appassionato di politica internazionale e storia contemporanea. Tante passioni, ma un unico grande amore: il giornalismo. Innamorato della sua Sardegna e della vicina Corsica.

Vedi tutti gli articoli di Donato Mulargia →