Ritratto d’un artigiano del dolce

 

In Francia, l’artigianato rappresenta da solo il 25% dell’economia nazionale e ci sono 3,1 milioni di artigiani. Più di  5000 tra loro sono pasticcieri. La definizione di pasticciere è una persona che fa i dolci. Ma dietro quella, prima di essere solo un mestiere, è una vocazione, la persona deve essere innamorata di questo mestiere per farlo bene.

Il nostro articolo parla di un artigiano di Corsica. Si chiama Djamel CERA, ed è un pasticciere. Ha accettato di rispondere alle nostre domande.

 

-Buongiorno Djamel, grazie di rispondere a quest’intervista. Dunque sei un pasticciere e hai la tua impresa che si chiama “Délices et Gourmandises” Ma chi o cosa ti ha dato voglia di fare questo mestiere ? Quale formazione hai seguito ?

Ho scelto questo mestiere perche è il fatto artistico che mi è piaciuto è perché sono innamorato di quello, è la mia passione. Il fatto di lavorare le matiere  prime e di creare delle  cose belle con queste.

Alla fine della scuola media, ho fatto un CAP (certificato di idoneità professionale) di fornaio e ho completato questa formazione con un CAP di pasticciere.

 

-Da dove ti è venuta la voglia di creare la tua impresa ?  Le procedure amministrative non sono troppo complesse ?

E’ l’obiettivo e la realizzazione di ogni pasticciere d’avere la sua propria impresa. Ho scelto d’ avere lo statuto di microimpresa, dunque no, sotto questo statuto le procedure amministrative sono semplici.

 

-Parliamo più in dettaglio  della tua impresa, è conosciuta ad Ajaccio ?

Sono molto conosciuto ad Ajaccio perché ho una notorietà e una riconoscenza rispetto al mio lavoro. Perché ho lavorato in una delle migliori pasticcerie di Ajaccio, e i clienti della pasticceria sono diventati i miei.

 

-Pensi di espandere la tua impresa ? (Che sia a livello nazionale o al livello regionale)

No, non penso di espenderla perche è troppo complesso cambiare di statuto professionale e di espendere il locale ecc… la mia impresa mi piace così. Ma può darsi che nel futuro cambierò di opinione.

 

E’ difficile usare prodotti locali per fare i dolci ? Ha un impatto su il prezo ?

Sì è molto difficile, ma tuttavia ho lavorato per più di 1 anno per riuscire a creare una gamma di dolci 100% fatti con prodotti locali. Uso prodotti come miele, farina di castagna o frutti per fare dolci come “La Castagna” chi è fatta con castagna e miele. Pero non ha un vero impatto su il prezo.

 

Ti  ringrazio di avermi concesso un po’ del tuo tempo per fare quest’intervista.

Il mestiere di pasticciere è, per me, uno dei più bei mestieri nel mondo perché è bello lavorare con le mani per creare delle cose bellissime. Perché sono specialisti dei dolci, possono giocare con i sapori, le forme e i colori. Un pasticciere è un artista.

 

Laureena Cera

Laureena è una studentessa di 19 anni dell’università di Corsica, iscritta al terzo anno della laurea in lingue straniere applicate in italiano e in inglese. Vive ad Ajaccio, nel sud ovest dell’isola.