Processo ad una dozzina di nazionalisti corsi per la scoperta di un deposito di armi nel 2013

Martedì 7 gennaio, il processo a una dozzina di attivisti nazionalisti corsi si apre al Tribunale correzionale di Parigi dopo la scoperta di un deposito di armi nel 2013. Una scoperta a seguito di due attacchi contro gendarmerie a Bastia e Ajaccio .  Ricordiamo i fatti.

Il 5 dicembre 2013 due attacchi con dei piccoli razzi colpiscono contemporaneamente la gendarmeria Montesoro a Bastia e la caserma Battesti ad Ajaccio.

L’inchiesta inizia con i testimoni. Due uomini sono visti in sella a uno scooter. Portano un tubo circondato da un lenzuolo bianco. Si stanno dirigendo verso le alture di Ajaccio.

15 giorni dopo, nella residenza “Panoramic”, gli investigatori hanno scoperto, in un garage, scoprono rubati scooter, armi ed esplosivi.

Il garage è di proprietà della sorella dell’avvocato di Ajaccio Dumè Ferrari. L’avvocato è accusato di aver reso disponibile questo garage. “Non solo questo garage non gli appartiene, ma è anche affittato. Il legame con lui è perché volevamo essere sicuri che il’avvocato Ferrari fosse presente nell’inchiesta. Ma sto ancora cercando il vero legame e ciò di cui possiamo davvero dare la colpa a lui “, ha detto l’avvocato Alix Canu-Bernard che difende Dumè Ferrari.

Informatore della polizia?

Nel garage si trovano le impronte digitali genetiche di diversi attivisti nazionalisti tra cui Franck Paoli e Antoine Pes. Un ufficiale di polizia fornirà un alibi per Pes.

Secondo l’accusa, questo attivista è un informatore della polizia. “Il signor Pes era con un ufficiale di polizia la sera degli eventi. Questo ufficiale di polizia, per giustificarsi, affermò che il signor Pes era il suo informatore. Nessun inchiesta è stata risolta grazie al signor Pes e non ha ricevuto favori. Ciò dimostra che non era un informatore “, ha dichiarato l’avvocato Eric Barbolosi, avvocato di Antoine Pes.

Questi attacchi non furono rivendicati, ma vennero dopo una serie di arresti denunciati pubblicamente dal movimento nazionalista.

Fonte: France 3 Corse Via Stella