Scoperto nella Biblioteca di Ajaccio l’ottavo esemplare del Thesaurum Hyeroglyphicorum, il primo libro di egittologia del mondo

La scoperta era di primaria importanza. Élisabeth Perié, direttrice delle biblioteche e delle biblioteche dei media della città di Ajaccio, e Vannina Schirinsky, responsabile di una missione di conservazione e restauro del vecchio fondo della Biblioteca Fesch, non ne dubitavano.

Ma l’annuncio dell’arrivo ad Ajaccio del direttore della missione archeologica italiana a Luxor, Francesco Tiradritti, sembrava una felice conferma. La copia del Thesaurum Hyeroglyphicorum sul quale hanno preso le loro mani appartiene alla categoria dei libri la cui rarità la contesta con interesse scientifico.

Tra gli incunaboli e altre opere preziose che sono riemerse dopo che il comune ha dato il via a un’operazione in sinergia per salvare il vecchio fondo della Biblioteca Fesch, il Thesaurum Hyeroglyphicorum occupa un posto speciale.

L’ottava meraviglia

Questa raccolta di incisioni del 1610, commissionata dal cancelliere del Duca di Baviera Massimiliano I Wittelsbach, Herwart von Hohenburg, può essere considerata il primo libro di Egittologia. Sulle 29 tavole che compongono l’esempio Ajacciano ci sono obelischi, elementi di statue e arredi funerari, fregi coperti di geroglifici, tutti riprodotti con estrema meticolosità.

“Sapevamo solo sette copie di Thesaurum Hyeroglyphicorum nel mondo. Questo è l’ottavo”, afferma Vannina Schirinsky. In altre parole, la notizia non ha mancato di suscitare la curiosità dei bibliofili e dei ricercatori di tutto il mondo. Francesco Tiradritti è uno di quelli. Subito avvertito da Simone Martini, restauratore d’arte italiano incaricato dal consiglio comunale di Ajaccio di occuparsi dei libri più danneggiati, l’egittologo desiderava consultarlo. Quello che ha fatto dall’inizio della settimana nell’intimità della biblioteca ajaccina.

“Avevo sentito parlare del Thesaurum Hyeroglyphicorum, ma non avevo mai avuto l’opportunità di esaminarlo, entusiasma il capo degli scavi di Luxor. È un’opportunità straordinaria, soprattutto per quanto riguarda un’area su cui ho lavorato per diversi anni, cioè l’influenza della rappresentazione dell’antico Egitto nel pensiero occidentale: dal Medioevo, ma soprattutto dal Rinascimento fino alla Rivoluzione francese, Studiosi sotto la supervisione della Chiesa e dello stato hanno imparato la scrittura e la cultura dell’antico Egitto per sfuggire “.

Un’area di libertà, popolata da iniziati che usavano gli strani simboli che adornavano i resti del tempo dei faraoni riportati in Italia dai Romani. Anche gli oggetti disegnati da loro ispiravano a volte, in modo molto fantasioso, una cultura molto più antica della loro, che non capivano molto di più.

Futura esposizione?

Lunedi scorso, posando per i primi occhi sul Thesaurum Hyeroglyphicorum Francesco Tiradritti quindi non del tutto sorpreso di contemplare più i documenti che si riferiscono alla Mensa Isiaca (una tavola bronzea risalente al primo secolo dopo Cristo, che illustra i misteri di Iside, conservati nel Museo Egizio di Torino) o obelischi sempre eretti nel centro di diversi luoghi della Roma moderna.

D’altra parte, più sorprendenti nel mezzo dei geroglifici, queste incisioni tornano ad una statuaria che non è egiziana o questa rappresentazione del dio Mythra. “Questo libro, si può paragonare ad un tarocco esclama il ricercatore italiano, questo è un mondo che rimane da scoprire, la complessità che merita più specialisti magra …” Nel frattempo, per Vannina Schirinsky e Elisabeth Perie, la causa è ascoltata. La copia ajaccina del Thesaurum Hyeroglyphicorum merita una grande mostra. “L’idea sta guadagnando terreno, ha confermato il capo della Biblioteca Fesch. Potremmo costruire un percorso che va dal Thesaurum allaDescription de l’Égypte  (la raccolta di osservazioni fatte durante la spedizione egiziana comandata da Napoleone del 1798-1801, conservata Ajaccio, ndr), immergerà il visitatore alle origini di Egittologia. Ma questa mostra è inconcepibile prima del 2020, sia dal punto di vista del suo contenuto scientifico e la ricerca di finanziamenti “.

Sognare di vedere le tavole del Thesaurum Hyeroglyphicorum iesposte in un mostra assieme alla Mensa Isiaca prestata dal Museo egizio di Torino ad Ajaccio?

Fonte: Corse Matin, Actualitte e Capital.fr

,