Omaggiu à Leo Micheli ultimu capu di a resistenza Corsa

Sta settimana fù quella di l’omaggi. Unu chi ha occupatu i schermi di televisiò e è radiu durente ghjorni e ghjorni, e chi s’hè cunclusu per un’omaggiu naziunale presidatu da u presidente di a republica, hè quellu à jean Paul Belmondo attore di cinema. E vera chellu hè statu un’ attore di fama cunnisciutu e preziatu indè u mondu sanu. E vera chellu ci hà purtatu assai piacè indè i so filmi e cusi ha cuntribuitu à facci scurdà di i guai di a nostra vita. L’artisti so pruduttori di felicità, ghje vera. Ma tuttu què meritava un’omaggiu naziunale incu guardie republicane, e tuttu u tralalà indè a corte di « l’Invalides » in Pariggi ? Omu si po interrugà, e interrugassi dinò nanta i valori di a Republica oghje. Un’artistu tuttu carcu di talenti chellu hè, valerebbe più che ùn resistente ?

Stu sabatu sott’à ùn sole settembrinu a Corsica rendìa omaggiu à leo Micheli l’ultimu capu di a resistenza corsa, mortu à 98 anni ghjorni fà in Pariggi . Un’omaggiu simplice ma pienu d’emuzione, d’affezione, di racolta, d’unione. A u campu santu di Bastia à latu di u munumentu chi ricorda i nomi di i resistenti tombi da l’occupente facistu ghjera sparta l’imagine di leo Micheli chi u 9 settembre di u 43 giovanu studiente avìa lampatu una chjama à a rivolta. E cusi che u capu di u fronte di i giovani diventava unu di i capi di a resistenza corsa chi duvia fà di l’isula u 4 ottobre 1943, u primu pezzu di terra frencese liberata da l’occupente facistu. Leo durente sti cumbatti per a liberazione lampava dinò una chjama in lingua taliana à i sullati di è forze d’occupazione, per che li si adunischinu à a resistenza, vantendu a libertà di i populi. Ghjera à u capu di una manifestazione di e donne e di i studienti per riclamà più pane e sopra tuttu a libertà. Per sti fatti, giovanu studiente stitutore, fù messu fora di l’educazione naziunale. Malgratu ciò,ha cuntinuatu ind’a clandestinità fin’a lotta finale . Dipoi, Leo, chi ghjera u so nome di clandestinu, u so veru ghjera Stefanu, ha testimugnatu nanta st’epuca andendu indè scole per purtà a verita storica e sopra tuttu cultivà u ricordu.

Dopu a resistenza ha occupatu posti impurtenti à u PC à u livellu naziunale, e un’ha mai capiatu à so lotta per a ghjustizia ,a libertà ,a difesa di i poveri e di l’opressi. Omu di gran cultura purtava à a Corsica e à so cità di Bastia un’amore maio, ricurdendu è lotte di u so babbu, camalu nanta u portu e sindicalistu. In settembre di u 2013 per u 70esimu anniversariu di a liberazione di a Corsica, nant’a Piazza Santu Niculà di Bastia, Leo ghjera fattu cavaliere di a Legione d’Onore da u Presidente di a Republica François Hollande in persona.


Per l’omaggiu à u campu santu di Bastia sotta è bandere frencese, corse, quelle di u partitu cummunistu e di u sindicatu di i camalli ci so stati i discorsi di u segretariu di u PC Michele stefani, : « leo ghjera u porta voce di a memoria di a resistenza corsa », di u presidente di i resistenti l’avvucatu Ugolini : « ghjer’a voce di a lotta e di a speranza »,di u presidente di a culletività Gigliu Simeoni : «  U mondu senza ellu, ci pare menu luminosu e più viotu. Ghje un’immensu eroe ». S’è intesu u cantu di i partigiani, a marsegliese, cantatu l’Internaziunale. C’eranu i deputati ,u merre di Bastia, a presidente di u cunsigliu di a cultura, eletti, anziani cumbattenti, militenti, sindicalisti e anonimi venuti da tutt’a Corsica. Un c’era nisùn ripresentente di u Statu !


Petru Luigi Alessandri

Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

A proposito di Petru Luigi Alessandri

Giornalista radiofonico di RCFM, si occupa tra l'altro anche della trasmissione Mediterradio, che mette in contatto gli ascoltatori di Corsica, Sardegna, Sicilia, e occasionalmente Malta e altre terre mediterranee. Per Corsica Oggi scrive in lingua corsa o, in traduzione, in italiano.

Vedi tutti gli articoli di Petru Luigi Alessandri →